Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati, MNS: “atto finale”

Movimento Nazionale per la Sovranità“Apprendiamo con grande stupore e piacere che il Sindaco Falcomatà si sia accorto finalmente che tra pochi giorni la sede dell’Agenzia dei Beni Confiscati verrà declassata per Legge dello Stato a sede secondaria ed in verità ci meraviglia il suo moto di orgoglio, seppure di gran lunga tardivamente intervenuto. Tuttavia, vorremmo che quelle che sembrano essere accorate parole non restassero mera retorica d’opportunità politica e si traducessero davvero in azione pratica ed interventi concreti. Il dubbio sorge necessariamente dalla costatazione circa le reali intenzioni e determinazioni del suo PD non soltanto in Parlamento, ma persino tra i banchi della sua maggioranza in Consiglio comunale. Il Movimento Nazionale per la Sovranità sarà in strada lunedì 12 p.v. alle 18:00 per protestare fortemente contro questa assurda ed immotivata decisione e sarebbe segno di grande unità che il Sindaco stesso, insieme ai rappresentanti di tutte le Istituzioni locali, fosse al nostro fianco in questa battaglia per la città. Ma dubitiamo fortemente che questo possa mai avvenire, stante la mancanza di determinazione a schierarsi con i fatti oltre che con le parole a salvaguardia dell’Agenzia dimostrata fino a ieri. Un Sindaco dotato dell’autorevolezza che gli deriva dall’essere anche Metropolitano avrebbe ben potuto nei mesi scorsi interloquire con i vertici del suo partito per ottenere un emendamento a quella infausta scelta cui hanno dato inizio Rosy Bindi e compagni vari del Sindaco medesimo. Invero, ricordarsi solo adesso, a conclusione del lungo iter che ha portato a questa ennesima mortificazione per Reggio, è circostanza temporale che presta il fianco ad una interpretazione dal sapore di demagogia fine a se stessa, se non di rappresaglia verso un governo “amico” che negli ultimi giorni per Falcomatà forse ha cambiato sembianze. Così non fosse, resta a Falcomatà la strada della Segreteria Nazionale del Partito Democratico nella sua nuova composizione, intercedendo presso la quale potrebbe provare a scongiurare il prossimo ennesimo scippo ai danni di Reggio”. E’ quanto scrive in una nota il Movimento Nazionale per la Sovranità di Reggio Calabria.