Aeroporti, Oliverio: “Crotone e Reggio Calabria sommersi di debiti, stiamo lavorando per portare nuove compagnie”

alitalia aeroporto dello stretto reggio calabria panorama etna isole eolie milazzo sicilia (24)“All’atto del nostro insediamento abbiamo trovato gli aeroporti di Crotone e Reggio sommersi da una montagna di debiti prodotta dalle precedenti gestioni, che ha portato al fallimento delle societa’ e alle curatele fallimentari”. Cosi’ Mario Oliverio, governatore della Calabria in merito alla situazione delle reti infrastrutturali di trasporto regionali nel corso di un suo incontro a Camigliatello Silano (CS). “A Crotone, a differenza di Reggio, la curatela fallimentare – ha aggiunto Oliverio – malgrado la disponibilita’ della Regione a mantenere l’esercizio provvisorio e quindi l’attivita’, ha deciso nella sua piena autonomia, non condivisibile ma da rispettare, di disattivare dall’1 di novembre l’aeroporto, per le condizioni fallimentari in cui era stato ridotto. Nel frattempo noi abbiamo lavorato perche’ l’Enac, che ha il potere di controllo sugli aeroporti, espletasse immediatamente la gara per rideterminare i soggetti a cui affidare le gestioni degli aeroporti di Crotone Reggio “. “L’Enac lo ha fatto – ha ancora detto il presidente della Regione – ed e’ risultata vincitrice la Sacal, che e’ la societa’ che gestisce l’aeroporto di Lamezia Terme. Ora, mentre attendiamo che vengano espletate le necessarie procedure per affidare a questa societa’ la gestione dei tre aeroporti calabresi – ha concluso – stiamo gia’ lavorando per individuare nuove compagnie disponibili a garantire nuovi collegamenti aerei tra Crotone e Reggio con il resto dell’Italia e dell’Europa”.