Terremoto: crollo del campanile di Accumoli, 7 rinviati a giudizio

terremotoSette indagati per il crollo del campanile della chiesa dei Santi Pietro e Lorenzo di Accumoli (Rieti) in seguito al sisma del 24 agosto 2016. Tra questi anche l’attuale sindaco Stefano Petrucci, ma non l’allora Vescovo di Rieti, Mons. Delio Lucarelli, la cui posizione è stata archiviata. I sette rischiano il processo. A Petrucci la Procura di Rieti contesta l’abuso d’ufficio e l’omissione di atti d’ufficio. Il crollo della torre campanaria del 1200 investì un’abitazione, sfondandone il tetto e causando la morte di un’intera famiglia: padre, madre e due figli, uno dei quali di appena 8 mesi.

Lo stesso provvedimento, per i reati di disastro e omicidio colposo, è stato notificato anche al responsabile unico del progetto, l’architetto Pier Luigi Cappelloni, collaudatore statico amministrativo dei medesimi lavori, all’architetto Mara Cerroni, ai progettisti e direttori dei lavori, l’ingegnere Alessandro Aniballi e l’architetto Angelo Angelucci, al geometra Giuseppe Renzi e all’ingegner Matteo Buzzi all’epoca dei lavori tecnico della Curia di Rieti.