fbpx

Reggio Calabria: grande successo per il IV premio del Corso “Espressioni… in musica”

Sabato, 27 maggio 2017, si è svolto il IV Premio intitolato all’indimenticabile professore Emilio Corso, vicepreside per quindici ininterrotti anni alla Vitrioli di Reggio Calabria

musicaSabato, 27 maggio 2017, si è svolto il IV Premio intitolato all’indimenticabile professore Emilio Corso, vicepreside per quindici ininterrotti anni alla Vitrioli di Reggio Calabria. Alunni, genitori, amici ed estimatori del compianto prof. Corso sono stati accolti con un caloroso saluto dalla dirigente scolastica, Orsola Latella, e dalla presidente del Consiglio d’Istituto, Bencivenga Giusy, nell’Aula Magna dell’Istituto, intitolato al grande latinista Diego Vitrioli. La signora Elena Bellina Corso, presentando il premio e parlando anche a nome dei figli Demetrio e Ascenzio, commossa, ha detto che la sua famiglia con l’istituzione del Premio vuole perpetuare la memoria di un uomo, nonchè marito, padre e nonno, che ha lasciato un grande vuoto. La preside Rachele Sciarrone, da parte sua, ha ricordato le ottime doti del vicepreside Corso: attaccamento al dovere, serietà professionale, rispetto delle istituzioni e degli alunni, tanto da poter essere additato come esempio. Su incarico della famiglia, Fortunato Mangiola ha ricordato la figura del prof. Corso, definendolo un fraterno amico. Essendogli stato vicino dal 1984 al 1997, ha parlato non per sentito dire, ma per conoscenza diretta, da testimone oculare. In Emilio Corso ha dichiarato di aver trovato quel fratello maggiore, che non ha avuto e di cui sentiva un gran bisogno.

Nella frequenza giornaliera ha notato la signorilità, il decoro, il tatto, il garbo, come pure l’affabilità. La scuola, si sa, è molto femminilizzata, nel senso che la maggior parte degli insegnanti appartiene al gentil sesso. É una semplice constatazione statistica, non un giudizio di merito. Ragion per cui tra i pochi maschietti presenti era naturale che si sviluppasse un certo cameratismo. Nel caso in questione ha significato l’incontro tra due persone che scoprivano di condividere pensieri e orientamenti: attaccamento alla scuola, volere il bene dei ragazzi, seguirli nella loro crescita culturale e stare al loro fianco, anche nei viaggi d’istruzione, ai quali spesso ha preso parte anche la signora Corso, esempio di famiglia unita in ogni occasione. Constatando che il prof. Corso è stato un vicepreside “di lungo corso”, ha sottolineato che forse mai tautologia (voce dotta, composta da due parole greche: “to autos = lo stesso” e “logos = parola”) fu più azzeccata, nel senso della coincidenza totale tra il cognome del professore e la sua funzione in ambito scolastico. Mangiola ha chiuso, ricordando che nel lontano 1997 al Corso aveva dedicato un’ode in occasione del suo pensionamento. Anche questa volta ha scritto un componimento, del quale alcune terzine recitano:

“Sempre cara mi è quest’alma scuola // Diego nomata Vitrioli

ove del Vice Emilio Corso // fulgida la figura apparve.

A distanza di sì lungo tempo // nel cor oblio non v’è e nella mente.

 Il premio di quest’anno ha avuto come tema “Espressioni …. in musica”. La giuria, presieduta da direttore del Conservatorio “Fr. Cilea”, Franco Barillà, ha stilato la graduatoria dei vincitori: primo premio a Riccardo Catalano (violino),secondo a Valeria Pizzi (canto),terzo a Luisa Campisi (danza). La piccola orchestra Vitrioli ha allietato la serata.