fbpx

Messina, Genovese dà il suo contributo all’iniziativa di Azione Cattolica

Il segretario generale della CISL di Messina Tonino Genovese ha presentato in Sicilia un importante contributo nei confronti dell’Associazione Cattolica e ha espresso la sua opinione

Immagine del 26-05-17 alle 09.58La memoria è importante, ricordare è necessario per costruire percorsi di legalità. La mafia si alimenta laddove esiste il disagio e la povertà, per combatterla sono morti falcone e borsellino ma tocca a noi ogni giorno alzare la testa e urlare «…basta tutto questo non lo accetterò più».

A dirlo è stato il segretario generale della Cisl Messina, Tonino Genovese nel suo intervento all’iniziativa “Legalità e Bene comune, per un lavoro eticamente possibile” organizzata da Azione Cattolica in occasione del l’anniversario della strage di Capaci.

Il buon lavoro è l’arma che può sconfiggere il tritolo anche il più potente unito però alla moralità nei comportamenti. Ogni giorno ognuno di noi può fare qualcosa e contribuire a creare lavoro pulito, lavoro eticamente sostenibile semplicemente non cedendo più a compromessi, sbarrando il passo al malaffare con una barriera di buone prassi.

L’etica del lavoro è fondamentale per l’inclusione sociale e per evitare la precarietà occupazionale e la disomogeneità nella distribuzione del reddito», ha sottolineato Genovese. «Il lavoro – ha proseguito – si crea utilizzando le risorse che ci sono per tutti, non per ottenere profitti individuali. Svuotare 1000 tasche per gonfiarne una è delinquenza». Genovese ha focalizzato il suo intervento sul territorio messinese dove «il bisogno mette radici diventando terra di conquista del malaffare.

Il lavoro è legalità, è, cioè, un’azione da portare avanti insieme per il bene comune, per ridare civiltà a questo martoriato territorio dove si arriva ad aggredire chi ti richiama all’osservanza  delle regole anziché rispettarle.

Il bisogno crea degrado e apre sempre più spazi alla malacreanza e alla delinquenza. Perché non rispettare le regole è delinquenza.

Lo sviluppo passa dalla legalità Genovese ha voluto legare la lotta alla legalità con quella per la crescita sociali, per gli investimenti e per lo sviluppo economico. «Il lavoro è ciò che ci rende liberi dai ricatti della malavita, senza lavoro non c’è sviluppo. Serve consapevolezza e agire per raggiungere obiettivi concreti, scelte chiare e responsabilità condivise che rifuggano da ricette dal sapore populista, proposte confuse di sussidi economici e non redditi da lavoro. Quello che serve sono politiche vere, interventi specifici e differenziati per favorire gli investimenti per creare lavoro ed accompagnare le povertà con servizi per l’inclusione sociale.