fbpx

Lottero: “Villa San Giovanni ha oggi la possibilità di aprire una nuova fase politica e amministrativa”

elezioni_comunali-urna“Villa San Giovanni ha oggi la possibilità di aprire una nuova fase politica e amministrativa. Noi offriamo un progetto che possa ridare fiducia e speranza ad una comunità che si presenta ai nostri occhi sfaldata e mortificata. Un progetto la cui essenza fondamentale prevede l’innesco irreversibile di un cambio di cultura da parte dei cittadini; una condizione necessaria che genererà un patrimonio inestimabile, da lasciare in eredità alle prossime generazioni. La nostra lista è fuori dalle logiche di potere che creano accordi a ridosso delle elezioni. Villa San Giovanni ha bisogno di una politica che sappia assumersi le responsabilità di scelte a difesa e sostegno dei cittadini, i quali necessitano di istituzioni presenti che rispettino gli impegni. Noi non appartiamo a quella classe di vecchi e nuovi politici che si presentano con i soliti proclami. Noi siamo differenti e vogliamo esserlo ancora di più rispetto a chi vive con l’affanno della ricerca di una poltrona dove sostituire la postazione di “funzione” con una postazione di “potere” La nostra scelta identitaria per un nuovo protagonismo della politica viene sintetizzata in tre parole: ETICA, PARTECIPAZIONE E TRASPARENZA. Ci assumiamo l’impegno di sostenere la sicurezza e libertà dal ricatto e dall’oppressione della criminalità comune e mafiosa. La politica intesa come servizio alla collettività attuata anche con il dialogo e il confronto tra tutte le forze politiche, come impegno comune a concorrere alla risoluzione dei problemi, deve tornare ad ispirare il governo della nostra città. L’obiettivo è trasformare questa città in vera comunità, attraverso forme concrete di sviluppo del lavoro, della solidarietà, delle arti, della cultura, della formazione umana e professionale, dando priorità alla TUTELA DEL BENESSERE DELLA PERSONA (in tutti i suoi aspetti economici, sanitari e sociali) e DELL’AMBIENTE (volano per uno sviluppo economico durevole del comune). Il nostro programma prevede il riassetto e il riordino delle cose essenziali, del ripristino delle basi necessarie che sono il fondamento di una comunità civile e guarda il progresso, alla sicurezza e alla tranquillità, che non lascia spazio al superfluo e non impone l’accettazione delle assurdità come fatti normali. Per la realizzazione del programma è di fondamentale importanza riorganizzare la macchina comunale. La cosiddetta “gestione delle risorse umane” deve diventare “valorizzazione delle risorse umane” attraverso lo sviluppo del potenziale di ciascun dipendente e del suo benessere lavorativo. Noi siamo convinti che il capitale umano sia un bene prezioso da non considerare come “fattore di costo” bensì come “patrimonio dell’Ente”. Un modo, quindi, di gestire la cosa pubblica con competenza e serietà, mettendo al bando i favoritismi e la gestione personalistica dei servizi.   Ai cittadini diciamo di liberarsi delle vecchie logiche clientelari che prendono in ostaggio l’intera comunità nel meccanismo perverso dei debiti da pagare e dei crediti da riscuotere, di non cedere alle eventuali promesse e di avere sempre presente che la gestione personalistica della cosa pubblica non può coincidere con gli interessi collettivi”. E’ quanto scrive in una nota Silvia Lottero, “Cittadini Responsabili-Comunità”