In arrivo il convegno alle Isole dal titolo PRINT alle Eolie: ecco di cosa si tratta

Alle Isole è stato organizzato un convegno dal titolo PRINT alle Eolie organizzato da Fedealberghi e anche grazie all’assessorato e al Dipartimento Attività produttive

isole-eolie-300x202Domenica mattina alle 11, a Lipari presso l’hotel Tritone, il dirigente regionale del Servizio 4 Internazionalizzazione, attività promozionali e PRINT, Rosario Di Prazza, illustrerà agli imprenditori eoliani le opportunità del Programma Regionale per l’internazionalizzazione Sicily 2020 e del correlato Piano di Azione per l’Internazionalizzazione 2016-2018.

Il PRINT – strumento prioritario per la razionalizzazione degli interventi di internazionalizzazione delle istituzioni e delle imprese siciliane – descrive gli interventi da attuare nel periodo in corso 2016-2018, coerentemente con la strategia regionale di internazionalizzazione. Obiettivo del PRINT Sicily 2020 è quello di ricondurre nell’ambito di un’unica strategia le azioni autonome di ogni singola componente dell’amministrazione pubblica a supporto delle PMI interessate ad internazionalizzare i propri servizi e i propri prodotti. Tra i servizi messi a disposizione dall’amministrazione possono rientrare quello di business scouting, l’assistenza nelle operazioni con l’estero, l’accompagnamento all’estero, il supporto alla selezione dei paesi più interessanti, l’attivazione di relazioni, la comprensione delle dinamiche economiche e socio-culturali, la creazione di reti stabili e la formazione/acquisizione di export manager.

Nel corso dell’incontro saranno, inoltre, presentate le azioni del POFESR 2014-2010 – di particolare interesse per le piccole e media imprese – i cui bandi saranno di prossima pubblicazione. Tra queste, ad esempio, l’azione 3.5.1-2 che intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento per favorire la nascita di piccole imprese.

“Guardiamo a PRINT con grande interesse ha dichiarato il presidente di Federalberghi Isole Eolie e Isole Minori Sicilia, Christian Del Bono, soprattutto per le possibilità di supporto nell’intraprendere progetti in rete per potenziare le capacità di internazionalizzazione del nostro territorio sia sui mercati per noi più tradizionali ma, soprattutto, per la definizione di strategie di approccio e penetrazione di nuovi mercati”.