fbpx

Che faccio in caso di terremoto? A Sant’Eufemia, Sinopoli e Melicuccà le prove di evacuazione a scuola [GALLERY]

/

I bambini della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo di Sant’Eufemia d’Aspromonte si sono ritrovati in una ipotetica situazione di pericolo: un terremoto

SCUOLA ELEMENTAREQuesta mattina, presso l’istituto comprensivo di Sant’Eufemia d’Aspromonte, Sinopoli e Melicuccà sono stati applicati i piani di evacuazione in caso di evento sismico. I bambini della scuola primaria di primo e secondo grado si sono dunque ritrovati in una ipotetica situazione di pericolo: un terremoto verificatosi durante l’orario scolastico. Ai piccoli è stato spiegato come reagire nell’immediato, ovvero riparandosi sotto i banchi, e come fuggire da scuola in un secondo momento. E con le classi quinte delle elementari la simulazione è stata ancora più realistica: è stato ipotizzato il ferimento di un alunno, per il quale si è reso necessario l’arrivo dell’ambulanza.

Una lezione utile e quanto mai necessaria, dunque, approvata dalla dirigente scolastica Maria Daniela Musarella e coordinata dalle Associazioni di Protezione Civile Aspoverde di Sinopoli, presieduta da Angelo ColellaLupi di Sant’Eufemia d’Aspromonte, presieduta da Lorenzo Forgione, e ProCiv di Melicuccà, presieduta da Luciano Franco. Le tre realtà presenti sul territorio collaborano ormai da tempo, per sensibilizzare cittadini e istituzioni verso il tema della sicurezza che oggi più che mai, anche alla luce degli eventi sismici avvenuti in centro Italia, risulta necessario.