fbpx

Balneazione: l’Arpacal di Vibo replica sulle competenze in gioco

stretto-mare-6“Ci corre l’obbligo replicare a quanto leggiamo sui giornali per precisare che Arpacal, quale Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente, è un ente pubblico e che, in quanto tale, opera con attività tecnico- scientifiche esclusivamente per i cittadini, a tutela della salute e dell’ambiente”.

Il Dipartimento provinciale di Vibo Valentia dell’Arpacal replica alle diverse dichiarazioni apparse sulla stampa locale con una nota che, una volta per tutte, sia esplicativa delle competenze e delle responsabilità in materia di monitoraggio delle acque di balneazione.

“Sebbene da diversi anni le diverse attività di controllo attuate da questo dipartimento dimostrino come le criticità del territorio siano molteplici, e andrebbero affrontate con risposte concrete, si assiste puntualmente all’inizio della stagione balneare a prese di posizione contro Arpacal, invece di registrare iniziative per tutelare la salute, l’ambiente e la connessa attività economica che certamente trae un enorme danno da una mancata cura del territorio. Nei casi riguardanti la non conformità delle acque di balneazione registrata a Tropea, Ricadi e Nicotera, le dichiarazioni apparse sulla stampa locale denotano una scarsa conoscenza della normativa e tendono a confondere i ruoli e le responsabilità, chiamando in causa l’unico Ente che opera nell’interesse della popolazione e non su specifici interessi di parte. Le attività ispettive svolte in questi anni hanno evidenziato che le criticità territoriali sono da ricondursi non solamente all’inadeguatezza del sistema depurativo ma anche allo smaltimento e all’abbandono dei rifiuti solidi urbani in maniera incontrollata sul territorio che durante gli eventi piovosi giungono a mare con effetti facilmente intuibili sull’economia e sulla salute”.

“Ancora una volta, quindi, ci troviamo impegnati a spiegare quanto oramai da anni è “applicazione” della direttiva comunitaria 2006/7/CE che è stata recepita in Italia dal D. Lgs. 30  maggio 2008 n. 116 (ARPACAL dal 2010, anno di prima applicazione). L’Agenzia Calabrese, alla pari di quella delle altre regioni italiane, è tenuta ad assicurare il buon funzionamento del programma di sorveglianza delle acque di balneazione per il quale però non è l’unico attore. Si tratta infatti di un lavoro sinergico dove la direttrice principe è la salvaguardia della salute del fruitore dell’acqua di balneazione. Nel programma di sorveglianza  un campionamento programmato,  rappresenta un campionamento secondo calendario e nella rete di monitoraggio italiana, per il quale il Ministero della Salute, competente Statale per la norma, fa espressamente richiesta all’operatore di campo, attraverso una check-list di segnalare anche le condizioni meteo-marine del campionamento, quali ad esempio la presenza di pioggia. Questo perché il monitoraggio delle acque di balneazione  sia rappresentativo di una valutazione più  globale e non solo puntuale dello stato delle acque ad uso ricreativo; un sistema random che andando a mostrare i livelli di rischio può fare altrettanto per individuare i livelli di risposta, ciascuna delle quali sia orientata  agli specifici interventi da adottare”.

“Questo è il nuovo approccio della normativa che oltre a permettere di individuare le criticità – continua la nota del Dipartimento Arpacal di Vibo Valentia – pone lo sguardo sulla prevenzione e sui piani di azione (azioni di gestione), sia in condizioni normali che di emergenza. Il monitoraggio rappresenta esso stesso una corretta azione di gestione perché contribuisce ai processi fino ad ora descritti. Non eseguirlo nel rispetto del dettame normativo deformerebbe l’azione finale”.

“I programmi, la frequenza, le ispezioni così come i campionamenti, i metodi d’analisi, l’interpretazione del dato, la sua elaborazione – conclude la nota – sono tutte fasi definite in maniera governativa, a noi come ARPACAL, spetta solo applicare affinché il risultato sia espressione reale di quel momento, di quella situazione, di quell’evento. Se perciò dall’attuazione del programma di monitoraggio  si rilevano dei rischi per il fruitore dell’acqua di balneazione allora da tecnici, ci aspettiamo che per gli altri attori coinvolti,  lo strumento “monitoraggio” e non solo, venga meglio letto ed utilizzato per la  fase  successiva utile al  piano di gestione, la quale dovrà contemplare minuziosamente le circostanze normali, quelle più ricorrenti e quelle più eccezionali. Il sistema delle responsabilità della Salute Pubblica in generale ed anche quindi per le acque di balneazione è molto complesso ed è per tal motivo che l’Agenzia esegue solo il compito ad essa affidato lasciando agli altri attori coinvolti quello a loro deputato, anche di carattere gestionale. Auspichiamo che un’azione più sinergica  non distolga lo sguardo dai principi generali della norma in materia di acque di balneazione”.