Tutti in rete con i Nonni: a Reggio Calabria l’iniziativa ospitata oggi dall’IIS Tommaso Gulli [FOTO e VIDEO]

Dal 20 al 26 aprile “Open day” in 20 scuole: studenti e nonni aprono “sportelli digitali” per aiutare i cittadini a usare i servizi online su smartphone e tablet. A Reggio Calabria l’iniziativa ospitata oggi dall’IIS Tommaso Gulli

Foto StrettoWeb Salvatore Dato

Foto StrettoWeb Salvatore Dato

Si può inviare una lettera o una raccomandata, fare un pagamento, gestire la spedizione di un pacco anche da casa, senza code allo sportello. Ma anche comunicare con una persona lontana o rivedere un programma televisivo. Con un computer, uno smartphone o un tablet, molte operazioni, prima complicate, si eseguono con pochi click o qualche tocco, se si usano strumenti touch. Come fare lo spiegano i protagonisti del progetto “Nonni in rete. Tutti i giovani alle Poste” a tutti i cittadini del quartiere che vogliono scoprire i servizi della pubblica amministrazione a portata di computer, tablet e smartphone. Dopo 30 ore trascorse al fianco dei giovani tutor per acquisire familiarità con le nuove tecnologie, anche gli over 60 che hanno seguito i corsi di alfabetizzazione digitale in 20 città italiane sono pronti per formare “alla pari” altri anziani. L’originale task force intergenerazionale, studenti, nonni e docenti coordinatori, dal 20 al 26 aprile, anima “sportelli digitali” in 20 scuole per avvicinare adulti e anziani alle nuove tecnologie della comunicazione. Nella “Settimana dell’alfabetizzazione digitale” ogni istituto organizza un “Open Day“: nella scuola di quartiere i cittadini trovano un aiuto concreto per scoprire le potenzialità della comunicazione in mobilità, l’uso più efficace di smartphone e tablet e le app che aiutano a risolvere problemi pratici, come PostePay, BancoPosta e Ufficio Postale. Gli istituti scolastici, che aprono le porte dei laboratori di informatica per l’originale attività di consulenza digitale alla cittadinanza, sono presenti in 20 città: Ancona, Aosta, San Donà di Piave, Cagliari, Catania, Reggio Calabria, Chivasso, Milano, Campobasso, L’Aquila, Napoli, Perugia, Pisa, Potenza, Genova, Roma, Sassuolo, Taranto, Trento, PordenoneA Reggio Calabria l’iniziativa si è svolta oggi presso l’IIS Tommaso  Gulli. In due edizioni il progetto “Nonni in Rete. Tutti giovani alle Poste” ha coinvolto 1.000 over 65 e altrettanti studenti tutor, 150 coordinatori tra dirigenti, docenti e tecnici di laboratorio. Il progetto è frutto dell’alleanza strategica tra Poste Italiane, sensibile ai temi delle pari opportunità di accesso ai nuovi servizi, e la Fondazione Mondo Digitale, impegnata nella diffusione delle nuove tecnologie tra le fasce della popolazione a rischio di esclusione digitale e sociale. L’iniziativa, che ha il duplice obiettivo di favorire la vita attiva della terza età e agevolare l’inclusione dei cittadini nella transizione dall’economia tradizionale a quella digitale, valorizza il contributo vincente dei giovani per combattere l’esclusione sociale e tecnologica degli italiani over 65 e ridurre il divario digitale nel Paese. Il programma di alfabetizzazione digitale, pensato per cittadini con più di 65 anni, è stato svolto in 15 lezioni di due ore ciascuna. Le lezioni, dall’abc del computer ai servizi on line, sono state coordinate da un docente affiancato da studenti tutor, uno per ciascun allievo, che hanno fornito agli anziani le competenze necessarie per usare le nuove tecnologie. A disposizione di tutti i partecipanti un ricco kit formativo in manuali, video lezioni e pillole digitali.

Foto StrettoWeb Salvatore Dato
Foto StrettoWeb Salvatore Dato
Foto StrettoWeb Salvatore Dato
Foto StrettoWeb Salvatore Dato