Stretto di Messina paralizzato per la manifestazione dei pescatori: protesta sospesa

Stretto di Messina paralizzato per la manifestazione dei pescatori: gli operatori della piccola pesca hanno protestato contro l’inasprimento dei vincoli legislativi dettati dalla normativa europea

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi

Gli operatori della piccola pesca hanno protestato contro l’inasprimento dei vincoli legislativi dettati dalla normativa europea. La protesta ha interessato gli imbarcaderi di Villa San Giovanni, creando disservizi e disagi nei collegamenti marittimi da e per la Sicilia, alcuni dei quali che sono stati dirottati su Reggio Calabria. Una delegazione di pescatori, accompagnata da rappresentanti della Cgil, dell’Associazione Alpaa e dal consigliere metropolitano per le politiche della pesca, e’ scritto in una nota, sono stati ricevuti in Prefettura dove hanno espresso preoccupazione per il loro futuro lavorativo alla luce delle vigenti restrizioni del settore per la piccola marineria chiedendo, contestualmente, l’attivazione di un tavolo romano. I manifestanti hanno interrotto l’azione rivendicativa, e’ scritto nella nota della Prefettura, “solo dopo aver appreso la notizia che il ministero per le Politiche agricole alimentari e forestali, cui il prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari si era rivolto, ha accolto la richiesta di convocazione di un tavolo tecnico per l’esame delle problematiche connesse alla protesta”.

Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
Foto StrettoWeb / Simone Pizzi
Foto StrettoWeb / Simone Pizzi