Sinalp Sicilia: “No all’inganno della fusione Cas e Anas”

“Il SINALP SICILIA dice basta al massacro del tessuto sociale ed economico della Sicilia”

sinalp siciliaApprendiamo della crisi del Consorzio Autostrade Siciliane e della volontà del Governo Siciliano di “regalare” il Consorzio all’ANAS con il sottotitolo dell’imposizione del pedaggio autostradale in tutta la rete autostradale della Sicilia. Riteniamo assolutamente improponibile regalare la nostra Azienda Autostradale allo Stato Italiano adducendo motivi pretestuosi di crisi economica e di “pozzo senza fondo” del Consorzio. Sulla gestione ballerina del Consorzio che ne ha causato la sua distruzione ed il suo indebitamento indagherà la Magistratura e ci auguriamo che chi ha rubato paghi senza alcun ripensamento. Regalare le nostre aziende, i nostri mari e la nostra terra ad altri purtroppo è diventato lo sport prediletto di questo Governo. La proposta di fusione del CAS con l’ANAS porterebbe soltanto a trasferire il suo presunto debito di 500 milioni di euro sulle spalle dei Siciliani lasciando all’ANAS in pratica quasi gratuitamente l’importantissimo asset viario siciliano e caricando tutti noi di ulteriori costi causati dall’imposizione dei nuovi pedaggi che creerebbero soltanto ulteriore distruzione e crisi del sistema economico dell’Isola. Altro che sviluppo e ripresa economica. Inoltre a pagare non saranno coloro che hanno causato l’enorme debito ma i lavoratori che nel nome di una presunta riorganizzazione del lavoro e della rete, verranno immolati come capro espiatorio. Il SINALP SICILIA dice basta al massacro del tessuto sociale ed economico della Sicilia per presunte soluzioni e salvaguardie di un non precisato sviluppo economico globalizzante propedeutico all’ingresso di multinazionali che fagociteranno le nostre aziende ed i nostri lavoratori“- dichiara in una nota il Segretario SINALP Sicilia Dr. Andrea Monteleone