Sicilia, terra di storia e tradizioni: dal G7 all’Estate 2017, ecco tutte le info utili per raggiungere l’isola via mare

taorminaSicilia “bedda”: culla di civiltà antiche e millenarie. Terra di passione, mare, sole e buon cibo che vanta una serie di siti archeologici unici ed incredibili. L’isola, tra le destinazioni turistiche più amate da italiani e stranieri, può essere raggiunta comodamente grazie ad uno dei tanti traghetti in partenza dai principali porti nazionali.  Da Taormina ad Agrigento sino alle Isole Eolie: il buon cibo, la storia ed il clima conquistano tutti coloro che vi mettono piede. La splendida Taormina, arroccata su una collina a circa 250 metri sopra il livello del mare, è tra le mete più visitate in Italia. Nel 2016 ha registrato oltre un milione di presenze turistiche, confermandosi leader del settore in Italia, e sta vivendo con grande fermento quest’inizio 207 in vista del G7 di fine maggio.

La sua bellezza è espressa in pieno dal famosissimo Teatro Greco scenario incredibile di numerose manifestazioni musicali e culturali. Il magico scenario sul Golfo di Giardini Naxos consente di vivere in uno scenario tipicamente Mediterraneo, immerso nell’antichissima e nobile storia di questa terra con una vista mozzafiato sull’Etna, in questo periodo in piena attività eruttiva. Insomma, uno spettacolo nello spettacolo.

Per coloro che amano la cultura greca non ci si può lasciar sfuggire la città di Siracusa, che negli ultimi anni ha vissuto uno straordinario sviluppo economico. A Siracusa è possibile visitare una grandissima area archeologica con templi, teatro, anfiteatro ed una necropoli. Il centro storico della città, nell’isola di Ortigia circondata dalle limpide acque del mar Jonio, conserva la straordinaria architettura barocca di piazza Duomo, tra le più apprezzate d’Italia.

Un altro punto d’interesse dell’isola è Agrigento, culla di antiche e affascinanti rovine greche, numerose spiagge ed anfratti meravigliosi lungo la costa meridionale dell’isola, lì dove la Sicilia si affaccia al Nord Africa. Nel breve tratto di mare denominato “Canale di Sicilia”, proprio tra Agrigento e la Tunisia, sorge l’sola di Lampedusa, negli ultimi anni ricordata solo per la questione dei migranti, ma ambita meta turistica per la sua particolarità selvaggia e incontaminata. Qui è possibile godere della bellissima Spiaggia dei Conigli conosciuta per essere stata votata come migliore spiaggia del mondo nel 2013 su TripAdvisor.

Tornando sulla “terraferma”, abbiamo anche Catania, Caltagirone, Modica e tutta la Val di Noto sono state inserite nel 2002 nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco per la massiccia presenza di opere d’arte e architettoniche in stile Barocco. Più a Nord, in provincia di Messina, troviamo le sette Isole Eolie (Lipari, Vulcano, Salina, Stromboli, Filicudi, Alicudi, Panarea e Basiluzzo) sono tra le più visitate e amate dagli italiani. Spiagge incredibili, acqua cristallina, movida che attrae i giovani e giovanissimi, escursioni e arrampicate sino ai crateri di Vulcano e Stromboli conquista ogni anno migliaia di turisti.

L’arcipelago delle Egadi, a ovest, tra Trapani e Marsala, comprende le più famose Favignana, Marettimo e Levanzo, e le più piccole Maraone, Formica, Galera, Galeotta, Preveto, le isole dello Stagnole e il Fariglione. Si tratta di una riserva naturale marina istituita per tutelare le rarissime specie aviofaunistiche come il biancone, il falco pellegrino, il grifone, l’aquila del Bonelli, il gheppio, il grillaio, il capovaccaio, il pellicano, il fenicottero rosa, l’uccello delle tempeste, la sula bassana, la berta maggiore, la berta minore, il gabbiano reale, il marangone dal ciuffo, il rondone maggiore, il barbagianni, il passero solitario, la cappellaccia, il corvo imperiale e la monachella nera.

In provincia di Palermo c’è Cefalù, splendido paradiso siciliano, la meta ideale per chi ama una vacanza tranquilla tra mare e buon cibo. Poi c’è il capoluogo, Palermo, che offre incredibili e meravigliosi tesori artistici. Imperdibili i mercati storici di Vucciria, Ballarò e Borgo Vecchio dove è possibile assaporare la cultura e le tradizioni siciliane. Quinta città d’Italia per popolazione dopo Roma, Milano, Napoli e Torino. Con quasi 700.000 residenti nel solo comune e oltre un milione nell’hinterland, è una delle metropoli principali del Mediterraneo e cela tra le sue viuzze antiche un grande fermento sociale e giovanile. Particolarmente esclusiva la spiaggia di Mondello, nota in tutto il mondo, dov’è possibile godersi il mare in un clima mite per nove-dieci mesi l’anno.

Insomma, la Sicilia è una terra straordinaria al punto da stimolare grande attrazione nei confronti di chiunque ne conoscesse anche soltanto lontanamente la fama. Sigmund Freud ne parlava così: “La più bella regione d’Italia: un’ orgia inaudita di colori, di profumi, di luci, una grande goduria”.

Per Goethe, invece, “L’Italia senza la Sicilia, non lascia nello spirito immagine alcuna. È in Sicilia che si trova la chiave di tutto. La purezza dei contorni, la morbidezza di ogni cosa, la cedevole scambievolezza delle tinte, l’unità armonica del cielo col mare e del mare con la terra… chi li ha visti una sola volta, li possederà per tutta la vita”.

Tra le citazioni più belle quella di Guy de Maupassant: “La Sicilia è il paese delle arance, del suolo fiorito la cui aria, in primavera, è tutto un profumo… Ma quel che ne fa una terra necessaria a vedersi e unica al mondo, è il fatto che da un’estremità all’altra, essa si può definire uno strano e divino museo di architettura”. Ecco perché perderne la possibilità di conoscerla a fondo sarebbe un delitto. Meta al top di tutta l’area Euro-Mediterranea, tra il G7 e l’estate si appresta a vivere una stagione da record.