Categoria: NEWSSICILIA

Sicilia: 81enne fedifrago condannato a 25anni di reclusione per aver ucciso la moglie

In Sicilia 81enne condannato a 25anni per l’omicidio della moglie, gli inquirenti: “l’uomo aveva relazioni extraconiugali”

La Corte d’assise di Catania ha disposto la pena di venticinque anni di reclusione per omicidio e occultamento di cadavere nei confronti di Salvatore di Grazia, 81enne, per l’omicidio della moglie Mariella Cimò, di anni 72. Mariella Cimò sparì dalla propria abitazione il 25 agosto del 2011, ma il marito presentò agli inquirenti la denuncia di scomparsa solo 10 giorni dopo. Il delitto sarebbe scaturito da contrasti economici e passionali, l’uomo, dopo aver ucciso la donna, si sarebbe disfatto del corpo. La coppia era sposata da 43 anni, ma negli ultimi anni di matrimonio le divergenze erano diventate insopportabili. In particolare, a scatenare la furia omicida dell’uomo ci sarebbero state delle incomprensioni legate alla gestione dell’autolavaggio self service per autovetture ad Aci Sant’Antonio, in proprietà alla donna, ma in cui di fatto lavorava Di Grazia. La moglie era intenzionata a disfarsi dell’esercizio, questa volontà strideva con quella del marito, assolutamente contrario alla vendita anche perché, a detta degli inquirenti “utilizzava gli uffici per incontri legati a relazioni extraconiugali”.