Sant’Eufemia d’Aspromonte: dopo 5 anni di amministrazione il gruppo “LeAli al Paese” fa un bilancio delle opere pubbliche realizzate [GALLERY]

A poche settimane dal termine del mandato il gruppo LeAli al Paese, che ha amministrato Sant’Eufemia d’Aspromonte per cinque anni, stila un bilancio delle opere portate a termine e avviate

scuola elementareCinque anni fanno presto a passare e in cinque anni si può fare tutto, poco o quasi nulla. A Sant’Eufemia d’Aspromonte cinque anni fa veniva eletto sindaco il giovane Domenico Creazzo, che con la collaborazione di un’amministrazione altrettanto giovane e attiva, ha cambiato in poco tempo il volto del paese, ridandogli un’identità e facendo da ponte tra il passato e il futuro. Le opere pubbliche realizzate, infatti, non sono state poche, e sommandole a quelle che si completeranno nel brevissimo periodo e a quelle che saranno avviate o completate a partire da settembre 2017, l’elenco diventa insindacabilmente lungo.

“Tra le opere già realizzate – si legge in una nota del gruppo eufemiese che fa un bilancio al termine di questi cinque anni di amministrazione – è sicuramente da inserire al primo posto la volontà di valorizzare il rione del Paese Vecchio, innanzitutto con la realizzazione del nuovo Liceo Scientifico, ma anche con il completamento dei centri storici. Al momento dell’insediamento, 5 anni fa, i lavori erano sospesi per mancanza di fondi e il Comune si è ritrovato ad avere a che fare con un decreto ingiuntivo pendente. I fondi ricavati per l’intero lavoro sono stati sufficienti a portate a termine l’opera. Ma le infrastrutture interessate da lavori di rifacimenti e ammodernamento sono state diverse: il completamento della strada Peras con bitumazione completa (in contrada Peras); la viabilità comunale e la strada provinciale verso l’Aspromonte; le strade interpoderali dell’Aspromonte; il completamento degli spogliatoi del campo sportivo; il primo lotto di illuminazione del campo sportivo, che sarà completato con un finanziamento del Coni già concesso (beneficio con il quale solo 5 comuni della provincia di Reggio Calabria sono stati finanziati); il primo lotto della scuola materna (è stato inviato alla SUAP ed è in pubblicazione il progetto del completamento, quest’ultimo per 800 mila euro); la condotta idrica “Colacaruso” (a breve sarà fatta anche quella Mela d’oro); l’adeguamento dei locali cucina e della sala mensa della scuola elementare”.

Di recente realizzazione – prosegue la nota – sono invece il rifacimento di alcune strade comunali con un investimento di 700 mila euro; il riammodernamento dell’oratorio parrocchiale che era ridotto ad una sorta di rudere; la ristrutturazione della palestra della scuola media con un investimento di € 150.000; il rifacimento delle facciate e del tetto della scuola elementare che da decenni erano quasi fatiscenti (a breve sarà pronto anche il cortile) per un investimento totale di 215 mila euro. Saranno invece completati entro fine mese (al più tardi l’inizio del mese prossimo, in base ai tempi tecnici e alle condizioni meteorologiche): la fontana Pirina; la fontana Barenzo; la pineta comunale (che sarà arricchita da un parco giochi, un campo da tennis e dalla video sorveglianza); la viabilià in località “Colacaruso” e dei tratti dissestati del Paese Vecchio; la nuova caserma dei carabinieri forestali in via Gramsci (ed è inoltre in progettazione la realizzazione di una nuova caserma dei carabinieri). Saranno invece completati entro settembre: l’arredo urbano, la segnaletica e il verde pubblico; la palestra della scuola elementare; il palazzetto dello sport; la messa in sicurezza del torrente Crasta; la messa in sicurezza del ponte in Aspromonte e la ristrutturazione di fontana Casamento; la ristrutturazione del cimitero comunale e il completamento dei loculi.

A partire dal mese di settembre, poi, sono previsti altri lavori tra cui l’ammodernamento e la messa in sicurezza della SP2 nel tratto che va dall’abitato di S.Eufemia al bivio di Solano (l’importo dei lavori, finanziato dal CIPE, è pari a 7 milioni e 100 mila euro); i lavori di efficientamento e adeguamento dell’intera pubblica illuminazione comunale (attraverso procedure ESCO); la realizzazione del serbatoio idrico in Aspromonte. Infine – termina il comunicato -, il Comune è in attesa di ricevere i finanziamenti per la messa in sicurezza della zona Mistra, sempre al Paese Vecchio”.