fbpx

Reggio Calabria, Ufficio Comunale di Protezione Civile: “ambienti di lavoro non idonei”

Secondo la Federazione Italiana Lavoratori gli ambienti dell’Ufficio Comunale di Protezione Civile non sono idonei dal punto di vista igienico e ambientale

protezione civileNei giorni scorsi si è riunita la Segreteria della Federazione Italiana Lavoratori per affrontare le criticità relative all’Ufficio Comunale di Protezione Civile. L’ampia discussione ha messo in luce una serie di problematiche che, di fatto, rendono davvero difficile svolgere al meglio le delicate funzioni affidate. In particolare gli ambienti di lavoro risultano NON IDONEI sia sotto l’aspetto igienico che ambientale (caldo torrido d’estate e freddo d’inverno); gli stessi locali vengono anche utilizzati come deposito del materiale per gli sbarchi (dal materiale chimico ai kit  vestiario) che producono esalazioni e polveri non salubri per un ambiente lavorativo; la dotazione tecnica dell’ufficio è obsoleta, il parco macchine inesistente. La nota dolente è che tale situazione non è stata mai affrontata adeguatamente, per cui il personale si sente abbandonato dall’Amministrazione: personale che non si e mai rifiutato finora  di portare a termine i compiti affidati, anche utilizzando proprie risorse e con orari massacranti.

In previsione dell’aumento dell’arrivo dei profughi con l’arrivo della bella stagione, la FIL ha inviato una nota al Sindaco, ai Responsabili e per conoscenza al Prefetto in cui chiede:

  1. L’istituzione di in capitolo spese per la liquidazione del lavoro straordinario ed adeguato con somme per le esigenze dell’Ufficio;
  2. Il riconoscimento delle indennità spettanti e mai liquidate ovvero indennità di rischio, di disagio e di reperibilità;
  3. Fornire l’Ufficio di adeguati computer, mezzi di trasporto, (autoveicoli, torre faro, idrovore, generatore di corrente, vestiario di sicurezza, adeguate vaccinazioni).
  4. Consentire al Gruppo Comunale di eleggere democraticamente il proprio Coordinatore Generale, già decaduto dal mese di Novembre, per rendere più efficace e motivato il ricorso ai Volontari, sopperendo così alla carenza di personale.