fbpx

Reggio Calabria: “nuova indagine mette in luce ennesima vicenda sulla gestione dei soldi pubblici negli uffici regionali”

Per il Presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta Arturo Bova la nuova indagine della Procura di Catanzaro mette in luce l’ennesima vicenda sulla gestione dei soldi pubblici

arturo bova 1“ Un’altra indagine della Procura di Catanzaro ha permesso di mettere in luce l’ennesima vicenda poco chiara nella gestione dei soldi pubblici all’interno degli uffici regionali. Ferma restando la presunzione d’innocenza per le persone coinvolte finché non si pronunceranno i Tribunali, i paventati illeciti nei pagamenti della Protezione Civile, ancora una volta fanno emergere come la discrezionalità nella gestione e il mancato controllo delle procedure siano portatori di ingenti danni alle casse di un Ente pubblico e quindi a tutti i cittadini“. A sostenerlo è il presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta, Arturo Bova che aggiunge: “È proprio tra le pieghe della burocrazia che è necessario indagare e intervenire per evitare la creazione di sacche di illegalità e corruzione: ben venga quindi il pool di magistrati dedicati agli illeciti nella pubblica amministrazione che il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri ha inteso costituire. Il loro lavoro sarà fondamentale per portare alla luce ciò che finora è rimasto in ombra. Questo lavoro però – prosegue Bova – serva anche da sprone alla politica affinché crei le condizioni perché sia impossibile che tali atteggiamenti possano riproporsi”. “Da questo punto di vista, l’enorme sforzo compiuto dal vicepresidente della Giunta regionale Antonio Viscomi sulla riorganizzazione della burocrazia è senza dubbio un passo in avanti utile e vincente. Da questa base, quindi, sono convinto che il governatore Mario Oliverio può ripartire con iniziative specifiche volte a rendere, sempre più, la Regione un palazzo di vetro” – evidenzia Bova.

Dal canto mio, in qualità di presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta in Calabria, proprio per contribuire alla trasparenza degli enti pubblici calabresi, già il prossimo 28 aprile inizieranno le audizioni dei segretari generali delle Province. Poi sarà la volta della vicenda Sacal e, a seguire, sentiremo i dirigenti regionali. Sono questi gli atti concreti con cui vogliamo contribuire a riportare la Politica, quella con la ‘p’ maiuscola, al vero ruolo di indirizzo e controllo che le spetta”.