fbpx

Reggio Calabria: la scuola “Ciraolo” protagonista del concorso “Diverso da chi?”

Reggio Calabria: la scuola “Ciraolo” protagonista del concorso “Diverso da chi?”

ciraoloGli alunni delle classi 4 dell’Istituto comprensivo “Telesio” Scuola Primaria (Plesso Ciraolo) hanno partecipato al concorso “Diverso da chi?” organizzato in sinergia dal Kiwanis Club Juppiter Rc e dal Centro Famiglie “La Collina degli Angeli” col patrocinio del Comune di Reggio Calabria e della Regione Calabria. Il concorso era finalizzato alla raccolta di fondi per l’acquisto di un forno per la cottura delle ceramiche per il laboratorio artistico del centro. Questo concorso mirava alla sensibilizzazione delle nuove generazioni nei confronti della “diversità” in tutte le sue molteplici forme. Gli allievi, guidati dalle loro docenti sempre attente alle iniziative culturali del territorio e pronte nella realizzazione di attività tese al pieno raggiungimento delle competenze di cittadinanza e alla completa maturazione dei futuri cittadini attivi, si sono cimentati nell’invenzione di testi fantastici riguardanti l’altro diverso da noi. Sabato 8 Aprile presso il Centro famiglia son state messe in scena le favole ideate dagli alunni di diverse scuole reggine alla presenza di docenti, genitori ed addetti ai lavori. La manifestazione si è conclusa con la premiazione della favola “Nulla è inutile” scritta da Gabriele Caridi e recitata dalla classe 4°A. Questo piccolo scrittore ha parlato di diversità dando voce a degli elettrodomestici moderni colpevoli di emarginare una vecchia radio voluminosa e con troppi fili, condannata a finire i suoi giorni nell’isola ecologica. La storia ha un lieto fine grazie ad un anziano che la raccoglie, sistema e valorizza. “Nulla è inutile! nulla è diverso! Tutto è unico e speciale. Tutto dev’essere accolto, rispettato, valorizzato” . Questo successo è un ulteriore testimonianza dell’immenso lavoro della Preside Maisano e dell’ IC Telesio nei confronti della diversità, accolta e valorizzata tutti i giorni nelle aule scolastiche.