fbpx

Reggio Calabria, il Questore: “sicurezza e legalità condizioni irrinunciabili per la crescita”

questura reggio“Esserci sempre è la sintesi dell’impegno continuo della polizia di Stato a garanzia della legalita’, della sicurezza al servizio delle istituzioni e dei cittadini”. E’ uno dei passaggi centrali della relazione del questore di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, per la Festa della Polizia celebrata al Teatro comunale “Francesco Cilea”. “Sicurezza e legalita’ – ha proseguito Grassi – sono tra i temi che preoccupano maggiormente la gente ed i governi di tutto il mondo: non si tratta di una moda passeggera, ma di una condizione irrinunciabile per favorire la crescita della societa’ nei suoi valori piu’ sani e costruttivi”. Il Questore di Reggio ha posto l’attenzione sui pericoli derivanti “dalla ndrangheta, che affina sempre di piu’ le proprie esperienze criminali, dalla corruzione, dall’emergenza immigrazione, dalla grave crisi economica e dal terrorismo islamico. Occorre garantire i diritti di liberta’ del cittadino ed il primo che deve essere salvaguardato e’ il diritto di essere liberi dalla paura. A Reggio Calabria stiamo sostenendo una forte ed energica battaglia per l’affermazione della legalita’, anche attuando quelle forme di vicinanza alla gente per far comprendere quanto sia importante il contributo dei cittadini per la nostra azione”. In citta’ e in provincia, nell’ultimo anno, sono state controllate 147.641 persone, con 10.148 posti di blocco; assistiti e soccorsi 17.272 migranti ed arrestati 23 trafficanti di esseri umani, con 117 espulsioni e 327 respingimenti. Ed ancora: sequestrati e confiscati beni alla criminalita’ organizzata per oltre 105 milioni di euro; arrestati cinque tra i piu’ pericolosi latitanti d’Italia. “Tutto questo – ha detto Grassi – e’ il frutto di una battaglia comune con le altre Forze dell’ordine, il coordinamento della Procura della Repubblica e la forte sinergia con il prefetto Michele di Bari. Noi ci siamo e ci saremo sempre in mezzo alla gente. E la comunita’ non perda questa straordinaria occasione di avvicinarsi sempre di più alla Squadra Stato”.