Porto di Gioia Tauro, Dieni: “subito una soluzione per i lavoratori”

Porto Gioia Tauro“Il tempo della melina è finito: il governo trovi al più presto una soluzione per scongiurare il licenziamento di 400 lavoratori del Porto di Gioia Tauro”. È quanto dichiara la deputata del M5S Federica Dieni a poche ore dall’incontro a Roma tra il ministro Delrio, Mct e i rappresentanti dei dipendenti. “Nonostante lo sciopero a oltranza dei lavoratori e il blocco dell’autostrada A2 – prosegue la parlamentare –, il governo Gentiloni sembra ancora sottovalutare il problema. Eppure è chiaro a tutti che, qualora Mct decidesse di procedere con i licenziamenti, le difficoltà socio-economiche di un’intera provincia si acuirebbero fino al parossismo, senza considerare il contestuale impoverimento del Porto di Gioia, che dovrebbe fare a meno di personale specializzato e con grande esperienza proprio nel momento in cui è chiamato ad affrontare la sfida per consolidare il suo ruolo nel Mediterraneo». Dieni conclude: «Ci auguriamo che il ministro Delrio, a partire dall’incontro di oggi, voglia usare ogni strumento a sua disposizione al fine di salvaguardare quei 400 posti di lavoro e di mettere in sicurezza lo scalo. In caso contrario, ogni discorso sullo sviluppo del Porto di Gioia avrebbe il sapore di una becera e ipocrita propaganda”.