fbpx

Messina, l’annuncio di Accorinti: magnate indiano realizzerà l’Aeroporto Internazionale “Madonna della Lettera” nella zona falcata. Ecco le FOTO del progetto [GALLERY]

/

Messina,  multimilionario Mahesh Panchavaktra investirà sulla Zona Falcata di Messina realizzando un grande aeroporto internazionale

falcata 2Dopo l’esito pressoché fallimentare delle trattative per trattenere la compagnia Alitalia nella città di Reggio Calabria e il giorno successivo alla grande manifestazione di piazza che ha raccolto la partecipazione di molti messinesi per salvare il “Tito Minniti”, da Messina arriva il grande colpo di scena. A proporre una soluzione al rischio isolamento delle città dello Stretto è il magnate indiano Mahesh Panchavaktra. Il multimilionario asiatico, constatata l’inerzia delle istituzioni a collaborare per la realizzazione di un aeroporto nell’area di Pace del Mela, ha deciso di giocarsi l’ ultima carta a Messina. Negli scorsi giorni Crocetta e il Ministro Delrio hanno incontrato in gran segreto  il magnate a Hyderabad (India). Il multimilionario si è reso disponibile  a finanziare la costruzione di un aeroporto nella zona falcata di Messina, quindi nel pieno centro cittadino. Le trattative si sono immediatamente trasferite a Palazzo Zanca dove oggi il Sindaco Renato Accorinti e l’ assessore Gaetano Cacciola hanno ricevuto  la delegazione indiana per esaminare il progetto dell’aeroporto internazionale “Madonna delle Lettera. Il progetto, le cui foto alleghiamo nella gallery, è dei più ambiziosi: due piste di atterraggio, un ampio parcheggio sotterraneo e un eliporto che collegherà le isole Eolie all’Unità ospedaliera Papardo.

AccorintiIl sindaco Accorinti, contattato dalla redazione StrettoWeb, nonostante le iniziali remore nel dare la notizia, si è lasciato andare ad alcune dichiarazioni sull’importante novità che riguarderà la città: “ci riapproprieremo della zona falcata per dare spazio ad un progetto di ampio respiro. Messina ha bisogno di collegamenti efficienti. Non possiamo più contare sull’aeroporto reggino, che stenta a trattenere le più importanti compagnie aeree. Abbiamo la grande opportunità di rilanciare la città sia dal punto di vista dei collegamenti, che da quello occupazionale. L’ aeroporto “Madonna della Lettera” creerà 3000 posti di lavoro. Siamo contenti di dare spazio ad un’ iniziativa del genere, sento nell’aria il  vento del cambiamento che arriva dal basso!“.

cuzzola3Da un punto di vista politico, la figura chiave per questa scelta pare sia stata quella di Enzo Cuzzola, neo assessore al bilancio dell’amministrazione comunale peloritana: reggino doc, oggi testimonia il volto dell’area dello Stretto che si ritrova finalmente intorno ad un grande progetto comune che potrà rappresentare il volano per lo sviluppo di questo territorio.

Nelle ultime ore anche il giovane imprenditore indiano Mahesh Panchavaktra, entusiasta di portare  l’aeroporto nella zona Falcata, ha annunciato la lieta notizia: “Il nostro è un gruppo giovane lavoriamo in vari settori, nell’area delle energie rinnovabili, nel trasporto rapido di beni di consumo, delle strutture civili e del trasporto logistico. Ci sono vari fattori che mi hanno portato a decidere di fare investimenti qui a Messina. La Sicilia è al centro del Mediterraneo, il porto e l’aeroporto saranno un hub logistico.  Il piano di investimento sarà di 1 miliardo di euro in cinque anni. A metà maggio firmeremo l’ intesa e concluderemo le trattative“.

Mahesh Panchavaktra con il governatore siciliano Rosario Crocetta

Mahesh Panchavaktra con il governatore siciliano Rosario Crocetta

Intanto piovono già le critiche di chi teme gli eventuali disagi in città. Messina è una città congestionata dal traffico e ovviamente i lavori di costruzione dell’ aeroporto creeranno disagi alla circolazione. L’ assessore Cacciola ha rassicurato tutti: “Cercheremo di limitare i disagi. Mi  ispirerò al modello olandese. L’Amministrazione è pronta a bandire  la circolazione delle auto nella zona compresa tra viale Boccetta e viale Europa, i cittadini useranno i mezzi pubblici o cammineranno a piedi“.

L’aeroporto Madonna della Lettera sarà una manna dal cielo anche per i pendolari che ogni giorno attraversano lo Stretto. Grazie al nuovo aeroporto, chi soffre di mal di mare potrebbe direttamente attraversare lo Stretto in volo, facendo scalo al Tito Minniti con piccoli aeromobili che potranno collegare le due sponde in modo molto rapido. All’inaugurazione del nuovo aeroporto, oltre alle alte cariche ecclesiastiche, presenzierà anche il Dalai Lama.

Ecco tutte le immagini del progetto: