Messina, Gioveni: “quando l’ATM consentirà l’utilizzo dell’App “MyCicero” anche per la sosta a pagamento nelle aree della ZTL?”

Il consigliere comunale di Messina Libero Gioveni ritiene necessario estendere l’utilizzo dell’App “MyCicero” anche per la sosta a pagamento nelle aree della ZTL

myCicero® 2Dopo aver avviato le procedure per l’acquisto e l’obliterazione dei biglietti grazie all’applicazione “MyCicero” scaricabile sul telefonino, quando provvederà l’ATM a far utilizzare questo utilissimo sistema anche per la sosta a pagamento nelle aree della ZTL?”. E’ questa la richiesta formulata dal consigliere comunale Libero Gioveni al Direttore Generale dell’azienda trasporti Foti, dopo che lo stesso aveva bocciato la sua stessa proposta di istituire i certamente più funzionali parcometri in città in luogo degli scomodissimi e spesso introvabili “gratta e sosta”, perché ritenuti troppo costosi (circa 3500 euro a parcometro) e anche perché sarebbero stati certamente oggetto di atti vandalici. “Adesso, infatti, che l’ATM con questo nuovo servizio offerto ai cittadini di acquisto dei tagliandi per il trasporto con il proprio smartphone – prosegue il consigliere – si è “aperta” alla tecnologia, NON SI PUO’ NON PENSARE anche ad offrire questo servizio aggiuntivo all’utenza per gestire con più facilità le soste con la propria autovettura nelle “zone blu”, anche in considerazione dei vantaggi che “MyCicero” o altre aziende similari offrono in termini di pagamento frazionato della sosta.
Bisogna aggiungere tra l’altro – rimarca l’esponente centrista – che questo genere di applicazioni sono state abbastanza collaudate nel servizio di sosta a pagamento anche in parecchie altre città, con in testa Roma e Milano, ma anche Bologna, Ravenna, Taranto, Rovereto, Trento, Pesaro, Cesena, Ancona, Verona, Olbia ecc. Gli ausiliari del traffico, inoltre – spiega il consigliere comunale – verificherebbero l’avvenuto pagamento del cliente inserendo il numero di targa della vettura in sosta su un palmare che avrebbero in dotazione, riscontrando in tempo reale la regolarità del versamento effettuato semplicemente con un “clic”; per non parlare anche dell’ulteriore comodità dell’automobilista che potrebbe prolungare la sosta senza più la necessità di recarsi in auto acquistando ed esponendo un altro gratta e sosta, ma bensì semplicemente acquistando l’ulteriore sosta sempre on line! Pertanto – conclude Gioveni – alla luce anche delle rassicurazioni datemi direttamente dal direttore Foti in Commissione Viabilità sulla proposta, ossia di aver già avviato un’indagine di mercato volta a conoscere l’offerta economica più vantaggiosa fra le società che possano fare al caso di ATM, SOLLECITO lo stesso manager a definire al più presto la procedura al fine di attivare subito questo prezioso servizio telematico della sosta a pagamento anche nella nostra città“.