Maxi sbarco di migranti a Pasqua al Porto di Reggio Calabria

Maxi sbarco di migranti a Pasqua al Porto di Reggio Calabria: giunti questa notte in 640

immigrati4

Nella giornata di Pasqua grande solidarietà a Reggio Calabria per l’accoglienza dei migranti È attraccata, nelle prime ore del mattino, nel Porto del Capoluogo, la nave Vos Prudence con a bordo 649 immigrati, di cui  581 uomini e 63 donne, appartenenti a varie etnie centroafricane e asiatiche; tra loro anche numerosi minori non accompagnati. Altro sbarco è avvenuto sulla spiaggia di Melito Porto Salvo, dove sono approdati circa 80 migranti, giunti con un barcone, alcuni di nazionalità siriana.  Anche questi migranti sono stati condotti presso il Porto di Reggio Calabria, dove  si svolgono le attività di primo soccorso ed assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria  e prestate dalle Forze di Polizia, dal personale del Comune Capoluogo, dai volontari della Protezione Civile della Regione Calabria, della Città metropolitana e del Comune, dai Vigili del Fuoco, dalla Capitaneria di Porto, dall’Azienda Ospedaliera e dall’USMAF, dal SUEM 118, dalle Associazioni di volontariato, dalla Croce Rossa Italiana e dal Coordinamento ecclesiale, diretto dalla Diocesi di Reggio Calabria. Al Porto, questa mattina, oltre ai Rappresentanti della Prefettura, erano presenti anche l’Arcivescovo metropolita di Reggio Calabria –Bova, il Sindaco e il Presidente della Corte di Appello in rappresentanza dell’Associazione “Civitas” che hanno voluto testimoniare la vicinanza delle Istituzioni religiose e laiche del territorio alle sofferenze di questa moltitudine di persone che giunge sulle nostre coste. L’impegno straordinario profuso da tutte le componenti del sistema di accoglienza, anche nella ricorrenza della Santa Pasqua, manifesta, ancora una volta, la grande solidarietà, dedizione, disponibilità e sacrificio della popolazione reggina e, in particolare, del mondo del Volontariato, i cui associati,  in numero sempre più crescente, prestano generoso soccorso e assistenza ad ogni arrivo di navi di migranti. Come sempre, al momento dello sbarco tutti gli immigrati sono stati sottoposti alle cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto. I migranti con patologie cutanee o con pediculosi sono stati prontamente sottoposti alle prime cure presso un’unità mobile di “decontaminazione” fornita anche in occasione di questo sbarco dalla Regione Calabria su richiesta di questa Prefettura. In base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno,  400 migranti  saranno trasferiti presso l’hotspot di Taranto e 50 presso il CARA di Crotone, altri 100 in altre località pugliesi.

Al Porto questa mattina era presente anche il noto giornalista scrittore Erri De Luca.