fbpx

Licenziamenti MCT a Gioia Tauro, Filt-Cgil: “Adesso è sciopero vero!”

“Intervenga il presidente Gentiloni e Oliverio si ridesti dal torpore e difenda Gioia Tauro e la Calabria”

Piana_di_Gioia_Tauro_Sant_EliaLa situazione era grave e imponeva una decisione coraggiosa e forte adesso in campo c’è la proclamazione di 10 giorni di sciopero per evitare i 400 licenziamenti o per ridurne drasticamente i numeri e gli effetti drammatici sui lavoratori, sulle famiglie e sull’economia della Piana di Gioia Tauro e dell’intera Calabria.

Questo è uno sciopero che contesta l’azienda MCT, il suo atteggiamento, l’arroganza e l’incoerenza. Ma è anche   uno sciopero  che chiede al governo nazionale non più parole ma fatti concreti su Gioia Tauro. E’ uno sciopero che parla all’Italia per dire che il porto di Gioia è risorsa nazionale, che non c’è solo Genova e Trieste. E’ uno sciopero che dice che ormai le parole non bastano più: Il bacino di carenaggio, Il Gateway ferroviario, la Zes sono ancora in alto mare.

E’ anche uno sciopero che chiede alla Giunta regionale di alzare la testa, di dare un segnale, di ridestarsi dal torpore, di battersi veramente per la Calabria. Mario Oliverio abbandoni i buoni propositi, utili nei periodi di vacche grasse, e faccia cose concrete: difenda la sua regione, tuteli i cittadini e i lavoratori. Ottenga dal Presidente Gentiloni una riunione immediata su Gioia con i sindacati e la MCT. Faccia con coerenza, cioè, il Presidente della Regione Calabria!

Nelle settimane scorse tanti hanno manifestato la loro preoccupazione per la sorte dei lavoratori e per i licenziamenti decisi dall’azienda, molti hanno diramato comunicati stampa che invitavano anche il sindacato ad azioni più dure.

Bene, adesso lo strumento c’è: la lotta è dura e lo sciopero è di 10 giorni. Non ci sono più alibi.

Siamo convinti che i sindaci di tutti i comuni della Piana e dell’intera Città metropolitana allerteranno le proprie comunità favorendo la partecipazione popolare. Allo stesso modo pensiamo che tutti i partiti di sinistra, centro e destra che hanno speso in questi mesi fiumi di parole sulla situazione di Gioia Tauro adesso non perdano l’occasione e passino dalle parole ai fatti“-dichiara in una nota il Segretario generale Fit-Calabria Nino Costantino.