Reggio Calabria, vendeva alcolici prima di Reggina-Vibonese: pesanti sanzioni amministrative ad un bar della zona stadio [DETTAGLI]

Reggio Calabria: accertato che in concomitanza con l’incontro di calcio Reggina-Vibonese, personale di un bar sito sul viale Calabria somministrava ai clienti bevande con contenuto alcolico

StadioLo scorso 19 marzo, nel corso di mirati servizi predisposti dal Questore della Provincia di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, tesi a prevenire il consumo di bevande alcoliche in occasione degli incontri di calcio presso lo stadio Oreste Granillo, il personale della locale Divisione Polizia  Amministrativa e Sociale ha accertato che, in concomitanza con l’incontro di calcio Reggina-Vibonese, personale di un bar sito sul viale Calabria somministrava ai clienti bevande con contenuto alcolico.

La vendita si pone in totale violazione dell’ordinanza comunale del settembre 2009, che richiama la Legge 287/91, con la quale si fa divieto assoluto a tutti gli esercizi commerciali, compresi quelli ambulanti, ubicati in prossimità del perimetro esterno dello stadio e nelle aree comprese tra via Gebbione, viale Calabria, viale Aldo Moro, via Galileo Galilei e largo Calopinace, di vendere e somministrare bevande con contenuto alcolico. Il divieto ha inizio tre ore prima delle partite e termina un’ora dopo la conclusione degli incontri.

PoliziaIl personale della Polizia di Stato ha elevato, nei confronti del bar, una sanzione amministrativa pari a 1.032 euro. L’attività posta in essere dal personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Reggio Calabria è testimonianza dell’attenzione sempre più alta che la Polizia di Stato rivolge alle competizioni sportive, con fini di contrasto ad ogni forma di illegalità diffusa posta in essere durante lo svolgimento delle stesse, mediante l’utilizzo di misure di prevenzione, quali ad esempio il D.A.Spo. e le sanzioni amministrative, e a tutela dell’ordine pubblico e dell’incolumità di tutti coloro che in maniera pacifica e civile si recano allo stadio esclusivamente per sostenere e tifare la propria squadra.