Rapine, furti aggravati e ricettazione tra Catania, Messina, Agrigento e Catanzaro: 6 arresti

Sei persone sono state tratte in arresto dai carabinieri tra Catania, Messina, Agrigento e Catanzaro: l’accusa è di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine, furti aggravati e ricettazione

CarabinieriAssociazione per delinquere finalizzata alla commissione di rapine, furti aggravati e ricettazione: 6 persone sono state tratte in arresto dai carabinieri tra Catania, Messina, Agrigento e Catanzaro. Le indagini sono state avviate in seguito al rapido susseguirsi di tre episodi: una prima rapina compiuta da tre giovani a volto coperto armati di pistola in un’area di servizio a Misterbianco nel luglio del 2014 seguita, a distanza di soli due giorni da un’altro assalto a mano armata a un rifornimento carburanti sito di Aci Castello, infine il colpo al distributore di Catania in contrada Gelso Bianco.

In arresto Giuseppe Litrico, 24 anni di Misterbianco, il 38enne Francesco Ferlito, ritenuto il promotore del gruppo, Maurizio Fama’, 37enne, Carmelo La Rosa, Carmelo Molino e Anthony Scarpato, quest’ultimi 24enni, tutti di Catania.

Acquisiti elementi in ordine alla responsabilita’ del gruppo su almeno 20 rapine a mano armata, spaccate a centri commerciali, bar tabacchi e gioiellerie, nonche’ numerosi furti e ricettazione di auto utilizzate, a Catania, Misterbianco, Aci Catena, Aci Castello, Belpasso e Nicolosi, per un bottino, complessivamente quantificato in circa 50 mila euro tra denaro contante, tabacchi e biglietti “gratta e vinci”. Gli arrestati sono stati condotti presso le case circondariali di Catania, Messina, Caltanissetta e Catanzaro.