Lugano, calciatori in fabbrica all’alba: “per vedere come ci si guadagna il pane”

I calciatori del Lugano in fabbrica alle 6 del mattino “vedete come si suda i soldi la gente comune”. La decisione del tecnico Paolo Tramezzani

1489563174-tromSveglia alle 5 e poi alle 6 già sul posto di lavoro. Non sono gli operai di una qualche azienda metalmeccanica, ma i calciatori del Lugano, squadra che milita nel campionato svizzero di Super League, reduci domenica da una pesante battuta d’arresto contro il Thun (sconfitti 5-2) dopo quattro risultati utili consecutivi. L’allenatore è Paolo Tramezzani, ex `secondo´ di Gianni De Biasi sulla panchina dell’Albania e volto televisivo Rai. Non l’ha presa bene ed ha agito di conseguenza:una visita agli operai di una fabbrica, «per vedere come lavora e si suda i soldi la gente comune».

Come riportato da ‘La Gazzetta dellPaolo Tramezzanio Sport’, tutto ciò è stato deciso da Tramezzani in persona. Il tecnico, secondo quanto riferisce la stampa svizzera, ha deciso che alla squadra serviva un bagno di umiltà. Già alle 6, ancor prima che arrivassero operai e impiegati, il pullman del Lugano ha parcheggiato davanti alla sede di un’impresa di vernici e pittura di Davesco e i giocatori sono scesi per conoscere i lavoratori. Poi tutti a Cornaredo per una seduta di allenamento: defaticante per chi ha giocato, lavoro aerobico per il resto del gruppo.

Tutto ciò è stato deciso da Tramezzani in persona, e per questo il presidente del club bianconero Angelo Renzetti non ha voluto fare commenti. «Non voglio immischiarmi – ha spiegato -: Tramezzani con la squadra può fare ciò che vuole».