Valanga Hotel Rigopiano, il bilancio ufficiale: 6 in salvo, altre 5 persone individuate

La Presse/Reuters

La Presse/Reuters

Sono sei le persone recuperate in queste ore nell’Hotel Rigopiano dai Vigili del Fuoco ma “si lavora per trovarne altre e coltiviamo la fiducia di trovare altri dispersi in vita e poterli così salvare“. Ad affermarlo è stato il viceministro dell’Interno, Filippo Bubbico sul posto per coordinare gli interventi di soccorso. Intervistato da Skytg24, Bubbico ha parlato di un “lavoro eccezionale” fatto delle squadre di soccorso e, in particolare, dai Vigili del Fuoco. Persone che si stanno anche esponendo, in alcuni casi, a un “rischio estremo“. Sulle polemiche innescate soprattutto sul versante politico sui presunti ritardi nei soccorsi, Bubbico ha poi detto che “per ora è bene concentrare le risorse per potenziare il sistema di soccorso e portare risultati. Poi – ha concluso – avremo tempo per capire se ci sono stati problemi e ritardi“.

Sono sei le persone ancora in vita individuate tra le macerie dell’hotel Rigopiano: una mamma e il suo bambino sono stati gia’ recuperati mentre il recupero degli altri quattro e’ ancora in corso“. Lo ha precisato all’AGI Luca Cari, responsabile della comunicazione in emergenza dei vigili del fuoco. “Con i quattro ancora da recuperare siamo in contatto vocale. Sono all’interno di un vano, non facile da raggiungere“.

Abbiamo delle altre persone che rispondono alle nostre sollecitazioni“. Lo dice Giuseppe Romano, dei Vigili del fuoco, a Skytg24, che gli chiede se e’ vero che ci sono altre 5 persone vive all’interno dell’Hotel (anche se il numero e’ ancora da confermare): a questo punto dovrebbero essere in totale 11 le persone vive. Sono stati captati altri segnali: a quanto apprende l’Adnkronos da fonti dei vigili del fuoco, nel corso delle operazioni portate avanti da questa mattina per estrarre le sei persone trovate vive grazie a un solaio dell’albergo che ha tenuto, sarebbero stati uditi altri rumori provenire dall’interno della struttura. “Si tratta di una struttura collassata – precisano dai vigili del fuoco – non è detto che i segnali in questione provengano da altre persone in salvo, né in quali condizioni eventualmente siano queste persone. In ogni caso stiamo procedendo a fare tutte le verifiche del caso“.

Sono tutti in buone condizioni, ha riferito Marco Bini della Guardia di Finanza. “E’ stato bellissimo il momento in cui li abbiamo trovati. Erano contentissimi e ci hanno abbracciato“. “Abbiamo la speranza di trovarne altri vivi. Potrebbero esserci altre sacche d’aria“. “La neve li ha protetti, assieme alla struttura dell’albergo. La neve come sappiamo a livello tecnico ti protegge molto“.

Stando a quanto si apprende i sopravvissuti, per restare vivi, hanno acceso il fuoco ed hanno trovato in cucina qualcosa da mangiare. I soccorritori hanno raccontati che si sentiva odore di fumo. Si trovavano infatti tutti nel vano cucina.