Università, ecco la classifica del “Sole 24 Ore”: Verona e Trento sul podio, bene Messina

Università, ecco la classifica del “Sole 24 Ore”: grande balzo per gli atenei del Sud: segno positivo per Messina

aula-universitariaLe università di Verona, Trento, Bologna, il Politecnico di Milano e fra i poli non statali Luiss, Bocconi e San Raffaele sono le istituzioni ai vertici della nuova edizione dei ranking universitari del Sole 24 Ore, una graduatoria articolata su 12 indicatori tradizionali che punta a misurare i risultati di didattica e ricerca. “Il Mezzogiorno - sottolinea il Sole 24 Ore – continua a soffrire e occupa stabilmente gli ultimi scalini delle graduatorie, chiuse anche quest’anno dalla Parthenope di Napoli fra gli atenei statali e dalla Kore di Enna fra quelli non statali. Anche a Sud, però, qualcosa si muove: Salerno consolida il proprio status di ‘eccezione territoriale’, e scala dieci posizioni passando dalla 26esima posizione del 2015 alla casella 16 e centrando il miglioramento più netto a livello nazionale, ma crescono anche le quotazioni di Foggia, che sale di cinque posizioni, Campobasso e Lecce, tutte con un guadagno di quattro posti in classifica rispetto all’anno scorso, e del Politecnico di Bari, che di scalini ne guadagna tre”. ”Da segnalare la crescita di Unime che si colloca al secondo posto tra le università meridionali statali di grandi dimensioni, dietro Salerno. In più, Messina guadagna quattro posizioni rispetto all’edizione precedente, salendo al 35° posto generale: una delle migliori performance, come attesta lo stesso quotidiano economico. Nel dettaglio, Unime raggiunge i risultati più rilevanti sul fronte della sostenibilità della didattica con il 7° posto assoluto e sulla competitività della ricerca con il 12° posto assoluto.