Un arresto ed una denuncia nel reggino per detenzione di armi e droga

FEDELE Domenico CL. 58Nelle giornate di sabato e domenica i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro diretta dal Tenente Gabriele LOMBARDO sono stati impegnati in mirati servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti ed armi disposti sull’intera provincia reggina dal Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria . Effettuati numerosi posti di controllo nei territori del Comune di Gioia Tauro, Rosarno, San Ferdinando e Rizziconi, con perquisizioni personali e domiciliari.

In particolare nella mattinata di sabato 28 Gennaio, a Rosarno (RC), i Carabinieri della Stazione di San Ferdinando, diretti dal Mar. Ca. Francesco Vadalà, unitamente a quelli della Tenenza di Rosarno agli ordini del S. Tenente Alfio RAPISARDA ed ai militari della Compagnia Speciale del GOC di Vibo Valentia, hanno tratto in arresto in flagranza di reato, FEDELE Diego, classe ’58, perché a seguito di un’approfondita perquisizione domiciliare,  veniva trovato in possesso di:

-         gr. 8 (otto) circa di sostanza stupefacente del tipo cocaina già confezionata in nr. 4 (quattro) dosi termo-sigillate con un involucro in plastica;

-         nr. 1 bilancino di precisione;

-         materiale vario per il confezionamento e taglio dello stupefacente.

La droga è stata rinvenuta occultata nel collettore di scarico dell’abitazione, a dimostrazione che il Fedele, all’arrivo dei militari, aveva già provveduto a disfarsene. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato rimesso in libertà in ossequio all’art. 121 disp. att. c.p.p., così come disposto dalla competente A.G.

Nella stessa giornata, a Rizziconi, in contrada Macchinella snc, ambito specifico servizio di controllo del territorio e teso alla repressione dei reati in materia di armi e materie esplodenti, i Carabinieri della locale Stazione, unitamente a personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” di Vibo Valentia, al termine di prolungata perquisizione locale, rinvenivano, nelle pertinenze di un immobile di campagna di proprietà di M. C. cl.’ 73, ubicata nella frazione Drosi di Rizziconi, il seguente materiale:

-         nr. 100 cartucce a pallini cal. 12, custodite in 4 scatole avvolte in involucri in plastica ed occultati al di sotto di una balla cilindrica di fieno;

-         nr. 31 cartucce cal.9 Luger e nr. 10 cartucce cal. 380 auto per pistola, nascoste in un cespuglio posto nelle vicinanze di un ricovero per equini ivi ubicato;

-         nr. 1 fucile semiautomatico cal. 12 marca Benelli mod. “raffaello” matricola f048176, rinvenuto in un terrapieno situato lungo la strada vicinale croce gatto che delimita la proprietà della donna, ed accertato poi essere provento di furto commesso in Rosarno nell’anno 2008.

La stessa veniva deferita in stato di libertà per il reato di detenzione abusiva di armi e munizionamento e ricettazione.