Reggio Calabria: successo per l’ottava edizione del Memorial dedicato a Mino Reitano

SERATA MEMORIALCredo che l’ottava edizione del Memorial dedicato a mio fratello, sia davvero riuscita alla grande, una delle più emozionanti da quando organizzo questo spettacolo“.

Gegè Reitano, fratello e storico percussionista di Mino, nonchè ideatore dell’evento esprime grande soddisfazione per la serata dello scorso 27 gennaio al Teatro Comunale Francesco Cilea di Reggio Calabria. “E’ stata una bellissima giornata tutta vissuta nel ricordo di Mino – spiega il presidente dell’Associazione Musicale e Culturale La Vita è così – a cominciare dal mattino con le apprezzate iniziative per celebrare la Piazza a lui dedicata. La serata è stata un susseguirsi di emozioni, musica, ricordi e sentimento. Appena è calato il sipario – prosegue Gegè Reitano – ho ricevuto, e sto continuando a ricevere tantissimi complimenti, per la qualità, per i contenuti e le tante emozioni che lo spettacolo ha saputo regalare al numeroso pubblico. Devo ringraziare di cuore il giornalista Emilio Buttaro che ha condotto la serata in maniera impeccabile, con grande professionalità, ben coadiuvato da Adela e Alessia Digiò. Il pubblico ha apprezzato le interpretazioni di tutti i partecipanti e degli ospiti che, accompagnati a modo dall’Orchestra Moderna Mediterranea hanno saputo ripercorrere i momenti più significativi della carriera di Mino: da Vincenzo Belfiore che ha aperto con “Sogno”, fino ad Angelo Mauro con “Calabria mia”. Il ricordo del giornalista Tonio Licordari da sempre vicino alla famiglia Reitano, e la dedica dell’Ave Maria degli Angeli a mio fratello Franco, cantata da Felice Pagano e Irene Longobardi, sono stati momenti davvero molto emozionanti. Così come è stato significativo assegnare il premio folk alla carriera ad alcuni amici di Mino, che con lui hanno vissuto un percorso artistico oltre che umano, a cominciare dal capostipite Otello Profazio vincitore del Premio Tenco a Sanremo,  Enzo Laface, Demetrio Aroi, Micu u Pulici e Angelo Laganà a cui è andato il premio folk alla carriera“.

Il Memorial rimane sempre un progetto di famiglia: “E’ un modo per onorare Mino, se poi il ricordo arriva direttamente dalla famiglia Reitano, allora tutto è più autentico. Mio nipote Enzo, figlio del mio caro fratello Franco è stato tra i più attivi in una serata che lo ha visto cantare e dirigere canzoni, occuparsi di molti arrangiamenti, della scenografia e dei contributi video. Il numeroso pubblico ha avuto modo di apprezzare anche la voce di suo figlio Bryan e soprattutto di emozionarsi quando la serata si è chiusa alla grande con le parole e le canzoni interpretate da Grazia, al suo debutto al Memorial. Quando la figlia di Mino ha cantato Calabria mia ho visto diversi spettatori con le lacrime agli occhi“.

All’ottava edizione del Memorial non sono mancate le sorprese: dall’annuncio eurovisione di Alessandra Canale, alla presenza di ospiti inattesi ed ancora al gran finale con lo sventolio di bandiere tricolori sulle note di “Italia”, cantata da tutti i protagonisti del Memorial.

Per il prossimo anno cercheremo di migliorarci ancora – conclude Gegè Reitano – ci sarà nel cast Enzo Iacchetti come lui stesso ha annunciato in un videomessaggio, insomma prepareremo al meglio la nona edizione del Memorial che nel frattempo è stato riconosciuto come evento di interesse regionale”.