Reggio Calabria, operazione Metropolis: assolto con formula piena l’ing. Velardo, “non ha commesso il fatto”

Reggio Calabria, operazione Metropolis: il processo si è concluso con la sentenza n.79 del 29 gennaio 2016 del Tribunale di Locri che, su espressa richiesta della pubblica accusa, ha assolto da tutte le imputazioni l’Ing. Velardo, “per non avere commesso il fatto”

tribunale faldoniDoverosa precisazione – In merito all’operazione “Metropolis” apprendiamo importanti novità riguardo la posizione dell’Ing. Antonio Velardo, a mezzo dei suoi legali, avvocati Antonio, Nicola e Marco Scotti Galletta. In particolare, l’Ing. Antonio Velardo  - professionista reggino - non è stato mai arrestato. Anzi, si è visto annullare una misura di custodia cautelare a seguito dell’annullamento, in data 8-9.4.2014, della relativa ordinanza da parte del Tribunale del Riesame di Reggio Calabria, in sede di giudizio di rinvio all’esito di ricorso in Cassazione (sentenza n. 5547/2014); i provvedimenti hanno del tutto smentito, con approfondita motivazione, l’ipotesi accusatoria dei Pm, dando atto dell’assenza di “gravi indizi” a carico dell’Ingegnere.

Il processo si è poi concluso con la sentenza n.79 del 29 gennaio 2016 del Tribunale di Locri che, su espressa richiesta della pubblica accusa, ha assolto da tutte le imputazioni l’Ing. Velardo, “per non avere commesso il fatto”: i giudici, con motivazione ammontante a quasi 400 pagine, hanno infatti completamente e definitivamente escluso il coinvolgimento del professionista reggino in arri con i cla e in fattispecie di riciclaggio, autoriciclaggio o di impeigo di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, di cui al capo di imputazione.

Nei confronti della sentenza non è stato proposto appello e la stessa è passata in giudicata.