Reggio Calabria: “consistenti danni alle strutture sportive, necessario intervento dell’Amministrazione”

E’ necessario l’intervento dell’Amministrazione comunale negli impianti sportivi di Reggio Calabria che hanno ospitato i migranti

scatolone-migranti1“Lo Scatolone in seguito all’ospitalità dei migranti, tutti minori, vivono in condizioni disumane specialmente all’interno dei giorni di gelo – ha affermato il Consigliere della Federazione del Basket di Calabria, Francesco Franco Basile Rognetta”. “Ci sono dei piccoli danni nell’impianto: se il Sindaco, con la collaborazione della Prefettura deciderà di restituirlo alla città con dei piccoli interventi potrebbe ritornare ad essere un polmone importantissimo per la pallacanestro cittadina. L’impianto è oggetto dell’ospitalità dei migranti da Luglio. Un altro polmone vitale è la Palestra di Archi che ha subito dei danni indiretti causati dall’ospitalità dei migranti presso la stessa Palestra e presso la struttura adiacente ex sede dell’Università di Giurisprudenza. Nella Palestra di Archi ci sono diversi danni ma abbiamo ricevuto diverse rassicurazioni dall’Assessore Angela Marcianò, Dirigente ai lavori pubblici: sta andando in appalto un piano di restlyling dell’impianto stesso. Il punto dolente, dunque, rimane lo Scatolone. Vi comunico, altresì, che, in sinergia con la Provincia sono state concesse delle Palestre scolastiche ed extra-scolastiche a Cittanova, Palmi e Cinquefrondi ed a breve sarà consegnata la Palestra di Taurianova. Il processo si sta sviluppando. Noi siamo a disposizione degli enti ma esigiamo delle risposte ma vorremmo che i nostri ragazzi potessero tornare a giocare a basket” conclude il Cis.