Reggio Calabria, blitz allo Scatolone. Di Bari: “provvedimenti necessari sui migranti”

scatolone-migranti“Nella giornata di ieri il questore Grassi ha emesso 18 provvedimenti di avviso orale nei confronti di altrettanti immigrati, fra cui 12 minori, ospiti della struttura sportiva ‘Scatolone’ di questo Centro, che si sono resi protagonisti di diverse manifestazioni di protesta, di cui l’ultima lo scorso 24 gennaio, nel corso della quale hanno danneggiato gli interni della medesima struttura e minacciato gli operatori presenti. Al termine dell’attivita’ investigativa condotta dalla Squadra Mobile si e’ proceduto a deferire in stato di liberta’ 16 stranieri, di cui 12 minori non accompagnati, ritenuti responsabili dei reati di minaccia, danneggiamento, interruzione di pubblico servizio, violenza privata e manifestazione non autorizzata”. E’ quanto si legge in una nota della Prefettura di Reggio Calabria. “Il prefetto Michele di Bari, esprime apprezzamento per le iniziative adottate dal questore volte ad assicurare la civile convivenza e a contrastare comportamenti violenti e prevaricatori che rischiano di vanificare gli sforzi profusi dalle istituzioni e dal mondo del volontariato impegnati a offrire un’ adeguata accoglienza agli immigrati. I predetti provvedimenti rappresentano – prosegue la nota -, la doverosa risposta dello Stato a condotte aggressive e intimidatorie, a salvaguardia di tutte quelle persone che prestano la loro opera per assistere i migranti, perseguendo i principi dell’accoglienza e della solidarieta’ umana. Non da ultimo, tali provvedimenti sono stati adottati anche a tutela dei restanti ospiti della struttura, vittime degli atteggiamenti intimidatori dei fautori della protesta”.