Reggio Calabria, al Liceo “da Vinci” la lezione del Sostituto Procuratore Musolino

FOTO DE RAHO - PRINCI (1)Riprende il percorso di educazione civica “Cittadinanza e Costituzione” con la lezione del Sostituto Procuratore Stefano Musolino che si terrà lunedì 23 gennaio alle ore 10:00 presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico “L. da Vinci”. Il magistrato relazionerà sul tema “Democrazia e zona grigia – La società aperta e i suoi nemici. Il nostro territorio e compromessi tra ‘ndrangheta – politica – “cittadini bene”. La sottoscrizione del Protocollo d’intesa tra la Procura di Reggio Calabria, rappresentata dal Procuratore della Repubblica Federico Cafiero de Rao e il Liceo scientifico “L. Da Vinci”, rappresentato dal Dirigente scolastico Giuseppina Princi, ha consentito di avviare un importante percorso di educazione civica, per una presa di coscienza dei principi e delle regole base della convivenza civile, per creare cittadini consapevoli capaci di creare la propria identità civile su quelli che sono i valori non negoziabili consegnatici dalla nostra Costituzione. Il Sostituto Musolino, dopo la relazione agli studenti delle quinte classi del Liceo, si confronterà con loro, in presenza del Dirigente scolastico, dei docenti del dipartimento di Storia e Filosofia con cui sono state concordate le tematiche di intervento, già inserite nella programmazione di classe degli studenti coinvolti e della giornalista Daniela Gangemi che modererà l’incontro. Il progetto pilota a livello nazionale, comprende due incontri al mese per tutto l’anno scolastico, sarà inserito tra le buone pratiche del MIUR, estendendolo, a partire dall’annualità 2017/2018, a tutte le scuole della Regione. Al termine del percorso, gli atti delle lezioni e le produzioni degli studenti, saranno inseriti in un volume che verrà successivamente pubblicato e distribuito in tutti gli istituti scolastici e le Procure d’Italia. Il Sostituto Procuratore Musolino è entrato in magistratura con il D.M. del 23.12.1997. Ha iniziato facendo il giudice del lavoro a Reggio Calabria, e successivamente ha svolto il ruolo di magistrato presso il Tribunale Misure di Prevenzione e il Tribunale collegiale penale. E’ stato anche giudice monocratico penale e giudice della Corte di Assise, sempre a Reggio Calabria. Nel 2006 si è trasferito a Palmi, dove ha iniziato a lavorare come Pubblico Ministero e nel 2010 è rientrato a Reggio Calabria, sempre come Pubblico Ministero. Dal 2012 fa parte della Direzione Distrettuale Antimafia.