Rammarico e preoccupazione della Protezione civile regionale per la paventata cancellazione del presidio di Castrovillari

protezione civileLa U.O.A. (Unità organizzativa Autonoma) della Protezione civile della Calabria, apprese le intenzioni dello Stato Maggiore dell’Esercito, relativamente alla possibile  possibile dismissione che potrebbe riguardare la 2^ Compagnia Guastatori di Castrovillari, intende esprimere rammarico e viva preoccupazione – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta –  per la eventuale cancellazione di un presidio di uomini e mezzi di importanza fondamentale nel caso dovesse verificarsi qualche  situazione d’emergenza. “In una regione come la Calabria, tra le più esposte – scrive l’Uoa – ai rischi naturali dell’intera Regione del mediterraneo, e caratterizzata da una storia sismica che ci racconta di tragedie immani (si pensi solo al terremoto del 28 dicembre 1908 che colpì Reggio e Messina, causando oltre 120.000 morti), la paventata chiusura della Caserma di Castrovillari, unico presidio del Genio Guastatori in tutta la Calabria, appare una scelta francamente incomprensibile e non in linea con le necessità di sicurezza e di supporto tecnico del nostro territorio in caso di calamità. Proprio l’area del Pollino, di recente (2012), è stata interessata da un prolungato sciame sismico che non può non consigliare il mantenimento di un elevato livello di attenzione in termini di prevenzione e pianificazione di stati emergenziali. Nonostante ciò, negli ultimi anni si è assistito all’impoverimento complessivo della Caserma che ospita la 2^ Compagnia Genio Guastatori di Castrovillari, che ad oggi vede la presenza di poco più di cento uomini e nessun mezzo d’opera atto al pronto intervento (escavatori, benne, pale meccaniche, camion ribaltabili ecc.). L’auspicio è che lo Stato Maggiore dell’Esercito possa rivedere radicalmente le proprie strategie organizzative, non solo non procedendo alla paventata dismissione della caserma di Castrovillari, ma, al contrario, prevedendone un cospicuo potenziamento in termini di uomini e mezzi, al fine di garantire, tra l’altro, un adeguato presidio di sicurezza oltremodo necessario, stanti le condizioni di assoluta pericolosità e rischio sismico ed idrogeologico, a cui la popolazione calabrese è tragicamente esposta”.