Protesta dei lavoratori Radi: le precisazione dell’amministrazione comunale di Palmi

mobilitazione dei lavoratori“In ordine alla situazione di agitazione dei dipendenti della società RA.DI. S.r.l. si desidera precisare quanto segue:

  •  La società RA.DI. s.r.l. sta svolgendo, per conto del Comune di Palmi, il servizio di raccolta differenziata e affini, grazie ad un atto di affidamento in proroga dell’08.08.2016 e fino al 31.12.2016;
  • Venuti a scadere i termini della proroga lo scorso 31 dicembre, l’ente si è immediatamente attivato, nelle more dell’espletamento delle procedure di gara già avviate dalla Stazione Unica Appaltante di Reggio Calabria, per procedere ad ulteriore proroga di sei mesi e comunque fino al subentro della nuova ditta aggiudicataria dell’appalto;
  • Questa mattina, gli amministratori giudiziari dell’azienda, hanno fatto pervenire una mail all’ente con la quale, in maniera improvvisa e del tutto inaspettata, comunicavano la sospensione del servizio di raccolta differenziata a causa della scadenza contrattuale, dell’agitazione dei dipendenti, della mancata manutenzione degli automezzi, il tutto causato dalla carenza di liquidità dell’azienda connessa a mancati trasferimenti di risorse;
  • Il settore ambiente si prodigava, nell’immediatezza e per garantire la prosecuzione di un servizio essenziale, a trasmettere alla RA.DI.s.r.l. una missiva con la quale comunicava la predisposizione già avvenuta degli atti di proroga e, pertanto, chiedeva all’azienda la disponibilità a proseguire il servizio, pregandola di comunicare con urgenza le decisioni prese al fine di adottare gli atti urgenti consequenziali.

Si coglie l’occasione, al fine di fugare ogni chiacchiera priva di alcun fondamento, che il Comune di Palmi sta liquidando la fattura della RA.DI. relativa alle prestazioni di servizio svolte nel mese di settembre; la fattura relativa alle prestazioni svolte nel mese di ottobre è giunta solo in questi giorni all’ente, mentre la fatture dei mesi di novembre e dicembre non sono mai pervenute. Per quanto concerne il riconoscimento del debito fuori bilancio per l’importo di euro 221.000,00 circa giova precisare che l’atto deliberativo è atto necessario e propedeutico alla liquidazione che sarà fatta a breve nel rispetto dei tempi e dei principi contabili”. E’ quanto scrive in una nota l’amministrazione comunale di Palmi.