‘Ndrangheta: appalti da milioni di euro in Calabria controllati dai clan. L’intervento di Avviso Pubblico

Foto Lapresse / Adriana Sapone

Foto Lapresse / Adriana Sapone

“Apprezziamo e sosteniamo l’azione delle Procure della Repubblica di Catanzaro e Reggio Calabria tesa a rafforzare gli anticorpi della politica e della pubblica amministrazione contro le infiltrazioni della criminalità mafiosa, a partire dal delicato ambito degli appalti. Plauso e gratitudine rivolgiamo ai magistrati e ai militari della Guardia di Finanza per l’operazione che ha scardinato un sistema criminale che condizionava il sistema dei pubblici appalti”, ha dichiarato il Vicepresidente di Avviso Pubblico, Domenico Vestito, Sindaco di Marina di Gioiosa Ionica (RC) a seguito dell’operazione “Cumbertazione”, che ha portato al sequestro di cinquantaquattro imprese e di trentacinque imprenditori, facendo luce sul sistema che la ‘ndrangheta e le imprese adottavano per accaparrarsi numerosi appalti pubblici.

 “La Politica sana, di tanti amministratori locali che quotidianamente lottano e sperano per liberare la Calabria dal condizionamento ‘ndranghetistico, sta dalla parte dell’economia legale e dello Stato, dalla parte di chi non si arrende e non si rassegna alla schiavitù delle ‘ndrine, dalla parte della trasparenza, della responsabilità e dell’uso legale dei fondi pubblici”, ha concluso Vestito.