Messina, Reset si scaglia contro Accorinti

palazzo zanca“Dopo l’ennesima emergenza  tramutata in farsa non siamo sorpresi dall’accaduto ,visto che fin quando questa amministrazione resterà in carica continueremo ad assistere a queste sceneggiate,  ma troviamo sorprendente che qualcuno ancora si stupisca. Fa rabbia francamente che chi tiene in piedi da anni questa amminostrazione oggi si indigni. La verità è che assisteremo agli ennesimi e finti attacchi,  il Sindaco resterà attaccato alla poltrona nonostante le ovvie lamentele dei suoi assessori che gli ricordano quanto sia stato precipitoso ed impreparato. Il professore viene ancora una volta bocciato dai fatti ma tanto sa che una città che si “beve” ventuno giorni senza acqua ed un debito di 550 milioni è capace di accettare tutto. Restiamo quindi in attesa di assistere alla prossima puntata. Povera Messina,  poveri noi“. E’ quanto scrive in una nota il rappresentanti di Reset, Alessandro Tinaglia.