Messina: arrestati padre e figlio per furto

Controlli Carabinieri foto repertorioPensavano di allontanarsi alla chetichella con un ‘autovettura rubata, ma sono stati immediatamente bloccati dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile e arrestati per furto aggravato. E così stato stroncato sul nascere il furto che padre e figlio, due srilankesi avevano posto in essere nelle prime ore di domenica  in pieno centro cittadino. Erano quasi le 2.00 quando i Carabinieri notavano, all’incrocio tra viale Gazzi e via Catania, due soggetti  di sesso maschile uno alla guida di una moto e l’altro alla guida di un’autovettura  Fiat Uno . Insospettiti dall’atteggiamento del conducente della moto,  che percorreva la strada  a fianco dell’autovettura, i militari procedevano a fermare i conducenti, che venivano identificati in due cittadini dello Sry Lanka, padre e il figlio minorenne.   Subito i militari notavano che l’autovettura presentava chiari segni di effrazione sia allo sportello lato guida che al blocco di accensione, sul quale non era inserita alcuna chiave. E i sospetti dei militari trovavano immediata conferma, dato che i due uomini portavano con loro dei veri e propria arnesi da scasso, ovvero un cacciavite un  chiave  cd “T” e un cd. “spadino”, evidente usati per scassinare la macchina.   Pertanto veniva rintracciata la proprietaria dell’utilitaria, una donna messinese, che non si era resa conto del furto e che stamani avrebbe avuto una sgradita sorpresa I due venivano così dichiarati in stato di arresto per furto aggravato in concorso e messi a disposizione della Procura ordinaria e di quella per i minorenni. Il mezzo è stato restituito alla proprietaria. Gli attrezzi da scasso sono stati sequestrati