Mancato rinnovo del Ccnl: indetta una giornata di sciopero e manifestazione presso le sedi di Confindustria a Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria

mobilitazione dei lavoratoriLe segreterie regionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, in coordinamento con le segreterie nazionali, proclamano per mercoledì 1 febbraio uno sciopero per l’intero turno lavorativo di tutto il personale del settore telecomunicazioni, a causa del mancato rinnovo del Ccnl e a tutela di tutti i livelli occupazionali. Il 13 gennaio scorso presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali si sono riuniti la AssTel e le organizzazioni sindacali per tentare una conciliazione proprio sul mancato rinnovo del Ccnl. L’incontro ha dato esito negativo e i sindacati al fine di tutelare tutti i livelli occupazionali hanno avviato le procedure per attuare una giornata di sciopero. In Calabria sono oltre 15mila gli addetti al settore telecomunicazioni, divisi tra call center, aziende, e appalti di rete (tecnici, manutentori, etc) che rischiano di non veder tutelati i loro diritti e rischiare così il posto. Per questo motivo le segreterie regionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Ulicom Uil durante la giornata di sciopero dell’1 febbraio hanno inoltre organizzato dei presidi davanti le sedi di Confindustria a Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria a partire dalle ore 10.