Maltempo in Calabria, la Provincia di Catanzaro: “chiederemo lo stato di calamità”

catanzaro-01-1-426x420Il presidente della Provincia di CatanzaroEnzo Bruno chiedera’ la proclamazione dello stato di calamita’ per i danni provocati dall’ondata di maltempo. Gravi criticita’ si sono manifestate nella Presila Catanzarese. Interessata in particolare la Strada provinciale 25 con un coinvolgimento della struttura dell’acquedotto di Santa Domenica che serve Catanzaro; una parte della carreggiata e’ stata interessata da frane e smottamenti. L’Amministrazione provinciale sta assicurando interventi sul sistema viario tra Simeri Crichi, Soveria e Sellia. Sotto costante monitoraggio anche la zona tra Gimigliano, Tiriolo, Marcellinara e Settingiano che risulta essere tra le aree piu’ instabili. Situazione critica anche per la zona del Chiaravallese, e tra i comuni di Squillace, Staletti’ e Gasperina. Secondo quanto emerge dalle prime ricognizioni, il territorio provinciale e’ stato interessato da numerosi danni al sistema viario ma non si registrano danni a persone e la situazione risulta essere sotto controllo. “Durante la notte – ha affermato Bruno – sono stato in contatto con il dirigente della Protezione civile Carlo Tansi per aggiornarlo sulla situazione di emergenza che interessa la provincia di Catanzaro. Proprio in queste ore stiamo anche monitorando la stabilita’ dell’immobile che ospita il liceo scientifico di Girifalco, dopo i danni causati alla tangenziale che collega l’istituto al centro: continuiamo a procedere con una serie di sopralluoghi assieme al geologo della Protezione civile Francesco Bruno per verificare interventi da eseguire”. Bruno ha gia’ proceduto ad informare della situazione il prefetto di Catanzaro Luisa Latella, e il presidente della Regione Mario Oliverio, al quale ha anticipato che avanzera’ in maniera urgente la richiesta dello stato di calamita’ al Governo nazionale. “Il presidente Oliverio – ha aggiunto Bruno – che, ho sentito in queste ore, ci ha assicurato la presenza costante della Regione e della Protezione civile per tutelare territori e cittadini”.