Indetto per il 17 marzo uno sciopero della scuola

sciopero scuola“Il 4 dicembre il mondo della scuola ha contribuito in modo concreto e forte alla vittoria schiacciante del no: con un solo voto i lavoratori della scuola hanno bocciato sia la riforma costituzionale che la ‘buona scuola’”. Lo afferma in una nota l’USB P.I della scuola.

“Il governo invece di raccogliere il segnale dei lavoratori, ha reagito con arroganza antidemocratica, licenziando le otto leggi delega che, nel loro insieme, completano il processo di distruzione della scuola della repubblica, annichilendo il diritto allo studio e smantellando definitivamente la qualità dell’Istruzione pubblica e statale, svilendo ancora una volta il ruolo e l’impegno dei lavoratori della scuola:

riforma del sostegno
riforma dei professionali
riforma degli Esami di Stato
riforma del reclutamento dei docenti
riforma del ciclo 0-6 anni.

A questo si aggiunge nuovamente un accordo sulla mobilità docenti 2017/18, che con la collaborazione dei sindacati gialli rimette in gioco il progetto di scuola del PD sconfitto il 4 dicembre; un accordo che ancora una volta creerà caos e ingiustizie nelle nostre scuole e nelle nostre vite. USB Scuola sceglie di opporsi fermamente a tutto questo e, insieme a Unicobas e Cobas, ha indetto lo sciopero dell’intero settore con manifestazione nazionale a Roma per il 17 marzo. Partiremo con i nostri pullman dalle maggiori città”.