Cosenza: la Protezione Civile continua a fornire coperte ai senzatetto

Fornitura di coperte ai senza tetto di Cosenza contro il gelo di queste ore da parte dell’Unità Organizzativa Autonoma della Protezione Civile regionale

 palazzo-san-giorgio-senzatetto-32L’UOA (Unità Organizzativa Autonoma) della Protezione Civile regionale comunica che l’ondata di gelo che si sta abbattendo anche sulla Calabria sta determinato criticità non solo di ordine climatico ed infrastrutturale, ma sta colpendo anche le fasce sociali più deboli, con particolare riguardo ai cittadini senza tetto, che sono costretti a vivere in situazione già disagiata, ulteriormente aggravata dalle temperature rigide di questi giorni. La Protezione Civile regionale, dunque, – informa una nota dell’ufficio stampa della giunta -, nell’ambito delle proprie attività istituzionali, interviene ponendo in essere interventi di prevenzione in favore della popolazione ed accoglie, con la dovuta sensibilità che il caso impone, le richieste di intervento provenienti da Enti ed Istituzioni, al fine di garantire la tutela dell’incolumità pubblica. Già nello scorso mese di novembre, a riprova di quanto sia importante l’assolvimento di questi adempimenti essenziali, la stessa Protezione Civile regionale si era prontamente adoperata, di concerto con il Presidente della Giunta Regionale Mario Oliverio, su impulso del Presidente del Movimento “Diritti Civili” Franco Corbelli e dell’Assessore alla Povertà del Comune di Cosenza, Padre Fedele Bisceglia, per installare in Via degli Stadi, in sole 24 ore dalla richiesta, due container di dodici metri, dotati di moduli-bagno e completi di reti e materassi, da destinare al ricovero di 20 persone prive di dimora. A distanza di poche settimane, questa sinergia estremamente positiva si ripete, con la fornitura, sempre in favore di senza tetto della Città di Cosenza di trenta coperte e di venti paia di lenzuola, che consentiranno quanto meno di alleviare l’estremo disagio che vive questa categoria sociale particolarmente bisognosa di sostegno reale. Quanto accaduto oggi rappresenta l’evidente dimostrazione  che le Istituzioni, ciascuna per le proprie competenze, possono e devono adoperarsi per dare risposte concrete ai cittadini, ad ogni livello e secondo le necessità, attuando quei principi di solidarietà e sussidiarietà che devono conformare costantemente l’azione della pubblica amministrazione. g.m.