Catanzaro: seggio a rischio per uno tra Mangilavori e Morrone

Attesa la decisione del Tar, intanto a Catanzaro uno tra Mangilavori e Morrone rischia il seggio

LaPresse/Domenico Notaro

LaPresse/Domenico Notaro

Il Tar  tra qualche ora pronuncerà la sentenza che indicherà quale consigliere, tra Mangilavori e Morrone, dovrà lasciare il posto a Wanda Ferro. Esiste, in questo procedimento, una dicotomia e si deve porre il problema se deve uscire l’ultimo eletto con il sistema proporzionale in sede circoscrizionale o l’ultimo del sistema maggioritario.  ”Nel caso in cui il seggio aggiuntivo non dovesse essere preso in considerazione, la Corte costituzionale ci dice quale sia indirettamente il seggio che deve essere preso in considerazione per fare spazio al miglior perdente?, ha detto Luciano. Ossia ,”il seggio che dovra’ lasciare il posto al miglio perdente – afferma il legale – e’ il seggio che ha ricevuto il resto in sede circoscrizionale, quindi il consigliere regionale che e’ stato eletto in sede circoscrizionale sulla base di liste circoscrizionali concorrenti”. Per l’avvocato Oreste Morcavallo, invece, la Corte costituzionale non ha emanato una sentenza additiva ma si e’ limitata soltanto ad affermare che nel periodo di prorogatio non e’ possibile emettere provvedimenti di tipo diverso da quelli che sono i caratteri di urgenza.