Catania, bancarotta fraudolenta: sequestrati 19 milioni di euro

Il bilancio dell’operazione della guardia di finanza di Catania per il reato di bancarotta fraudolenta

guardia di finanza _ RCTre misure cautelari personali, sequestro preventivo di 19 milioni di euro e una clinica privata: questo il bilancio dell’operazione della guardia di finanza di Catania per il reato di bancarotta fraudolenta. I finanzieri del comando provinciale catanese a conclusione di due distinte indagini coordinate dalla procura etnea hanno dato esecuzione a due ordinanze emesse dal gip del tribunale per i reati di bancarotta fraudolenta. Sono stati disposti i domiciliari a un imprenditore catanese impegnato nella gestione di strutture sanitarie private. Altre misure cautelari sono state disposte nei confronti di tre indagati. Inoltre è stato disposto il sequestro preventivo dei beni aziendali della clinica privata con sede a Catania, oggetto della distrazione patrimoniale. Con il secondo provvedimento, è stato eseguito il sequestro preventivo di disponibilità finanziarie per oltre 19 milioni di euro su rapporti bancari nella disponibilità di 9 amministratori di società coinvolte nella distrazione, dissipazione e occultamento delle risorse finanziarie.