Allerta Meteo, FOCUS su Domenica 15 Gennaio: tanta altra neve al Centro/Sud

Allerta Meteo, FOCUS con tutti i dettagli sulla nuova grande nevicata di Domenica al Centro/Sud

allerta-meteo-neve-domenica-15-gennaio-562x420Allerta Meteo- Dopo la breve tregua delle scorse ore, è tornato il previsto maltempo accompagnato da fenomeni estremi su gran parte d’Italia. Al nord è arrivata anche la neve in pianura, che ha imbiancato persino Venezia dopo il disastroso gelicidio in pianura Padana. Ma il maltempo si è esteso anche al Centro/Sud con forti piogge, temporali, temperature nuovamente in picchiata e vento impetuoso. Tra le principali città, ha raggiunto i 102km/h a Livorno (dove una grossa nave mercantile si è incagliata sul litorale), gli 85km/h a Pescara, gli 81km/h a Vieste, i 79km/h a Roma (dove ha provocato danni spezzando alberi e rami), i 74km/h a Pisa, i 69km/h a Palermo e Cagliari, i 67km/h a Salerno e Grosseto, i 65km/h a Foggia e Frosinone. Proprio a causa del forte vento, sono rimasti fermi tutti i collegamenti per Ischia, Procida e Capri, nel Golfo di Napoli, e a Roma una donna di 53 anni e’ stata trovata morta in una roulotte, molto probabilmente per il freddo. Stessa sorte per un 72enne della provincia di Bergamo, stroncato da un infarto mentre era intento a spalare la neve di fronte alla sua abitazione. Nel frattempo nella Capitale il perdurare del gelo ha convinto il Vaticano a tenere aperta la chiesa di San Calisto, a Trastevere, per dare riparo notturno ai senzatetto. Sempre a Roma, un albero e’ caduto su un’auto in transito; la coppia che viaggiava all’interno è rimasta ferita in modo non grave. A Milano il gelicidio ha creato molti problemi alla circolazione e all’incolumita’ dei pedoni per cadute accidentali. Le autorita’ comunali hanno pero’ comunicato di aver organizzato l’accoglienza al caldo per 2mila senzatetto e di avere ancora una disponibilita’ per 200 persone. In Emilia Romagna il gelicidio, provocato dalle gocce di pioggia che gelano rapidamente a contatto con il suolo, ha provocato un picco di chiamate del 550% al 118 in ben 4 province. Per la stessa ragione uno scuolabus che trasportava una ventina di bambini e’ finito fuori strada a San Marino di Bentivoglio, nel Bolognese, fortunatamente senza provocare conseguenze. Il freddo intenso continua a interessare anche la Toscana: a Firenze il centro funzionale regionale ha emesso un bollettino di allerta ghiaccio dalle 22 di stasera alle 12 di domani. Momenti di paura anche all’interno del porto di Livorno, dove il grande traghetto Metis Leader della Nyk ha rotto gli ormeggi e si e’ intraversato. A causa del vento e del mare mosso al porto di Viareggio si è staccato un pezzo di pontile.

Strascichi dell’emergenza gelo e neve anche al Sud, dove domani molte scuole rimarranno ancora chiuse in Molise per il 6° giorno consecutivo e anche in Sicilia persistono disagi per la neve e il freddo. Intanto nelle prossime ore questo nuovo fronte di maltempo arriverà anche in Calabria e Sicilia, provocando dei temporali nelle zone tirreniche delle due Regioni durante la mattinata di sabato. Le temperature sono nuovamente in picchiata: Roma, che era risalita fino a +14°C per qualche ora dopo il gelo dei giorni scorsi, adesso è nuovamente a +2°C e si prepara a poter osservare i primi fiocchi di neve nella notte. Soltanto un piccolo assaggio della nevicata – sempre più probabile – di Domenica mattina.

Infatti la giornata di Sabato trascorrerà abbastanza stabile su gran parte d’Italia, anche se fredda: il maltempo si intensificherà nella giornata di Domenica 15 Gennaio per la formazione del ciclone che poi rimarrà semi-stazionario sul basso Tirreno per gran parte della prossima settimana. E così proprio Domenica mattina inizierà a nevicare a partire dalle Regioni tirreniche, Lazio, Campania e Basilicata occidentale, fin sulle coste. Secondo gli ultimi aggiornamenti è sempre più probabile la neve non solo a Roma, ma anche a Napoli, oltre che a Latina, Frosinone, Caserta e Salerno. Continuerà a nevicare per gran parte della giornata di Domenica su quasi tutto il territorio di Lazio e Campania, in modo molto forte in Campania fino a quote bassissime, soprattutto nel Salernitano. Tanta neve anche nella Basilicata tirrenica. Nel corso della giornata i fenomeni si estenderanno anche al Molise, al Gargano e al Sud-Appennino Dauno, all’Abruzzo, alla Toscana, alle Marche, all’Umbria e all’Emilia Romagna orientale e appenninica. Inoltre avremo neve anche in Sardegna fino a quote molto basse (probabilmente già a partire dai 200 metri di quota), in Sicilia oltre i 500–600 metri, e nella Calabria tirrenica settentrionale (nel cosentino). E sarà di nuovo emergenza. In modo preventivo, nel Lazio già i primi comuni hanno ordinato la chiusura delle scuole per la giornata di Lunedì 16. Effettivamente dopo le grandi nevicate di Domenica, e con maltempo persistente, garantire spostamenti regolari sarà difficilissimo.

Quello di Domenica sarà solo l’inizio di un’altra settimana di forte maltempo e grandi nevicate: secondo gli ultimi aggiornamenti, la neve cadrà abbondante per tutta la prossima settimana soprattutto sugli Appennini e sulle isole maggiori. Sardegna, Campania e Basilicata le Regioni più colpite dove cadrà tantissima neve, ma nevicherà molto anche in Molise, Abruzzo e nelle Marche.

Ecco le pagine utili per seguirle in tempo reale: