Aeroporto dello Stretto, Santoro: “basta mortificazioni, vogliamo risposte concrete”

aeroporto dello stretto reggio calabria tito minnitiDopo l’incontro ministeriale di giovedì scorso sabato mattina in prefettura, come da autoconvocazione di sette giorni prima, presieduto dal prefetto Michele Di Bari, si è tenuto l’incontro con i rappresentanti degli enti interessati, il Comitato pro aeroporto, il sottosegretario Dorina Bianchi e il Presidente della Confcommercio reggina Giovanni Santoro, unico rappresentante del tessuto economico provinciale. La riunione avente ad oggetto un aggiornamento sulle decisioni prese durante l’incontro ministeriale, aldilà delle informazione già ampiamente riportate dalla stampa, ha avuto come unica novità importante la decisione dei comuni di Crotone e di Isola Capo Rizzuto di non proseguire in Consiglio di Stato il ricorso, già vinto al Tar, al bando ENAC. Il Presidente della Confcommercio, Giovanni Santoro, nel suo intervento ha espresso in maniera chiara e netta le numerose perplessità in merito: “Il proseguire con un bando che il Tar ha sonoramente bocciato mette in evidenza uno strano comportamento degli Enti che lo avevano promosso e ripropone prepotentemente alcuni quesiti che Confcommercio aveva già posto tempo addietro – ha spiegato al tavolo Santoro -. Un bando evidentemente fatto male e che va a favorire un’unica società negando il diritto ad altri soggetti di potersi confrontare su progetti di sviluppo, capacità economiche e piani di rilancio. La SACAL- ha aggiunto Giovanni Santoro – divenendo gestore unico degli aeroporti calabresi deve fugare quei dubbi che per oltre 8 anni abbiamo denunciato alla SOGAS bocciando puntualmente i bilanci presentati in questi anni”. Interrogativi d’obbligo per il Presidente: “Quale ruolo e chi saranno i soggetti che siederanno al CDA in rappresentanza di Reggio Calabria? Saranno ancora una volta, così com’è stato fin ora, rappresentanti politici a difendere e tutelare il futuro sviluppo infrastrutturale della città? Che ritorno economico ricadrà sulla società vincitrice e quale importo verrà investito per lo sviluppo ed il rilancio del nostro aeroporto? Il disastrato bilancio SACAL avrà la forza di assorbire gli oltre 100 lavoratori SOGAS la cui sorte sempre più appesa ad un filo, alla luce anche delle dichiarazioni del rappresentante governativo, non presagiscono nulla di nuovo. I rappresentanti dell’economia locale resteranno attenti e vigili e nessuno si illuda che si faranno sconti per il “meglio poco che nulla!”. Questi bassi giochetti fatti sulla pelle di tutti noi, ricorso al TAR, vittoria ed immediato ritiro, non possono essere tollerati se poi a pagare sarà sempre e soltanto la comunità reggina. Qualcuno dovrà dare delle risposte e anche convincenti, nessuno si illuda di battere cassa alle nostre imprese. L’area metropolitana dello Stretto ha un suo valore e questo – ha concluso Santoro – deve essere riconosciuto ad ogni latitudine. Di mortificazioni ne abbiamo subite fin troppe, la misura è colma”.