Aeroporto dello Stretto, Dieni: “in piazza contro l’emarginazione”

Aeroporto dello StrettoTutti i cittadini che hanno a cuore l’aeroporto di Reggio Calabria, tutti quelli che ne riconoscono la sua importanza sociale ed economica, tutti quelli che hanno imparato a riconoscere gli errori e le nefandezze di chi lo ha gestito per decenni, saranno con noi domani per ribadire a governo, Enac, Regione e Alitalia che il “Minniti” è un’infrastruttura irrinunciabile“. È quanto afferma la deputata del M5S Federica Dieni, a poche ore dalla manifestazione pubblica per la difesa dell’aeroporto che si svolgerà lunedì 16 gennaio, alle 15.30, nel piazzale dello scalo reggino.

Il nostro sit-in – prosegue la parlamentare – darà voce ai cittadini delle province di Reggio e di Messina, ai quali deve continuare a essere assicurato il sacrosanto diritto alla mobilità. Le istituzioni e tutti gli altri soggetti coinvolti devono trovare al più presto le soluzioni per assicurare a una realtà già emarginata da scellerate politiche antimeridionaliste quella continuità territoriale in virtù della quale anche la Calabria e la Sicilia potranno ancora sentirsi parte di un’Italia fin qui troppo distratta rispetto alle legittime istanze del Sud“.

Le prime cose da fare – aggiunge Dieni – riguardano la prosecuzione dell’esercizio provvisorio di Sogas, in attesa dell’assegnazione a un nuovo gestore da parte di Enac, e l’avvio di una moral suasion su Alitalia, allo scopo di scongiurare l’addio dello scalo dell’unico grande vettore presente oggi al “Minniti”. Solo dopo aver raggiunto questi obiettivi sarà il momento di affrontare il tema del rilancio sostenibile di uno scalo che, finora, non è riuscito a esprimere appieno le sue grandi potenzialità“.

Domani, così come è stato in passato – conclude la deputata -, il M5S sarà al fianco dei cittadini e dei lavoratori in una battaglia dal cui esito dipende il futuro e dello scalo e dell’intera comunità dello Stretto“.