A Reggio Calabria incontri formativi sul fenomeno del cyberbullismo e l’uso corretto del web

SalaSintoniaMesso in archivio l’Open Day di sabato 21 gennaio passato, con un bilancio molto positivo fatto da numerose famiglie in visita nei quattro plessi per conoscere l’offerta formativa del prossimo anno scolastico, l’istituto comprensivo Falcomatà Archi prosegue nelle attività extra curriculari. Domani martedì 24 gennaio 2017 nel plesso della scuola secondaria di primo grado “Pirandello” ospita due incontri sul fenomeno del cyberbullismo animati da un team di educatori della“Casa di Nilla” di Catanzaro. Entrambi gli incontri sono incentrati sul tema del “Disagio correlato al Web ed ai Social network”: il primo incontro si svolgerà di mattina ed è riservato a tutti gli alunni della media; il secondo, dalle ore 14 alle ore 16, prevede il coinvolgimento di tutti i docenti dell’istituto comprensivo ed i genitori. “La Casa di Nilla” è il centro specialistico della Regione Calabria che opera per la cura e la tutela di bambini ed adolescenti in situazioni di abuso sessuale e maltrattamento, e l’equipe di specialisti, nell’incontro della mattinata con gli alunni della media, affronteranno i temi di scottante attualità originati da una navigazione sul web e da un uso deviato dei social media da parte delle nuove generazioni, indicati come cyberbullismo, sexting, gambling, hikikomori, adescamento on line. Il percorso formativo dell’ic Falcomatà Archi diretto dalla dottoressa Serafina Corrado, rientra nell’area Cittadinanza e Costituzione, e intende garantire un approccio multidisciplinare, articolato sul piano clinico, sociale, educativo e giuridico, per la gestione del complesso fenomeno dell’abuso e del maltrattamento all’infanzia e dell’adolescenza. Nel pomeriggio nell’incontro con docenti e genitori, si discuterà di elementi educativi e giuridici del disagio giovanile correlato all’utilizzo del web e dei Social network. Le relazioni saranno tenute da Giovanni Lopez, psicologo psicoterapeuta, Floriana Riccelli, educatore, e Rosaria Altilia, assistente sociale e criminologa, mentre l’attività scolastica è coordinata dalle docenti e referenti della “area cittadinanza” Anna Rita Vazzana e Titty Iannò. Tornando alla giornata di sabato scorso e all’operazione porte aperte della scuola Falcomatà Archi, per la dirigente Serafina Corrado e le docenti l’incontro con le numerose famiglie in visita è stato un pieno successo. Suggestiva in particolare l’atmosfera che si è creata nel plesso Pirandello, dove dalle diverse aule si sono sentite uscire armoniche musiche e canti prodotti dalle diverse formazioni di alunni intenti a suonare gli strumenti del flauto, del violino, della chitarra e del pianoforte, e ad esercitarsi nelle varie polifoniche che compongono il repertorio della corale d’istituto. Impegno e capacità, sono stati poi i caratteri distintivi espressi dagli alunni impegnati nei laboratori di linguistica, studio della lingua inglese, antropologico, artistico-tecnologico, del corpo e movimento espressivo. Note molto positive sono pure venute poi dalle docenti che hanno animato l’accoglienza delle famiglie negli altri plessi dell’istituto comprensivo, di Santa Caterina (laboratori leggere e ascoltare, inglese, informatica, educazione all’arte teatrale), Archi (primaria, laboratori di inglese e di informatica) e nella media “Klearchos“ (laboratori di arte, ceramica, digitale), i cui locali sono rimasti aperti fino a tarda sera.

ComunitáProgettoSud_CDR